Santa Sofia, gelo e disgelo hanno degradato i muri: lavori straordinari all'istituto Galilei

L'appalto è finanziato per intero dalla Regione Emilia-Romagna per un importo di 150mila euro in seguito alle eccezionali precipitazioni nevose del febbraio 2012 in base alla delibera 764/2015

Entrano nel vivo i lavori di "Restauro e risanamento conservativo nel fabbricato strategico adibito alla scuola secondaria di primo grado dell'Istituto comprensivo G. Galilei di Santa Sofia e sede del Coc". I lavori, consegnati formalmente lo scorso 29 marzo alla Impresa costruzioni Antonini & C., si svolgeranno sostanzialmente nel periodo estivo per ovvi motivi dettati dal calendario scolastico e termineranno entro l'inizio delle lezioni dell'anno 2018/19. L'appalto è finanziato per intero dalla Regione Emilia-Romagna per un importo di 150mila euro in seguito alle eccezionali precipitazioni nevose del febbraio 2012 in base alla delibera 764/2015. La progettazione, la direzione lavori e il coordinamento per la sicurezza sono stati affidati all'ingegner Ivan Rinaldini.
 
L'intervento riguarda principalmente due lavorazioni. La prima è il risanamento delle coperture che interessa tutte le coperture a falda della struttura e tutte le pensiline a sbalzo in cemento armato presenti su tutti i lati dell'edificio e ha lo scopo di impermeabilizzarle, evitando così le infiltrazioni. Sono previsti il ripristino delle bocchette di scolo per il corretto defluire dell'acqua piovana e, dove necessario, la coibentazione termica per migliorare l'efficienza energetica dell'edificio. La seconda lavorazione riguarda il restauro e il consolidamento del calcestruzzo faccia-vista ammalorato.

L'edificio presenta, infatti, diverse parti con finitura in calcestruzzo faccia-vista le quali, a causa dei cicli di gelo e disgelo, evidenziano problematiche di degrado piuttosto diffuse nelle parti direttamente esposte quali canali di gronda, pensiline a sbalzo, copertura vano scala, parapetti sul terrazzo e tettoia dell'ingresso principale. L'intervento prevede un ciclo di lavorazioni che consente il completo ripristino, restauro e consolidamento delle parti interessate.
 
"Intervenire sulla manutenzione degli edifici scolastici - dichiarano il sindaco Daniele Valbonesi e l'assessora alle politiche scolastiche Ilaria Marianini - è di importanza fondamentale per l'attuale amministrazione comunale. Prima di tutto perché la scuola è il luogo dove i nostri ragazzi passano gran parte del loro tempo, e quindi deve essere l'ambiente più sicuro della nostra comunità. Poi perché l'edificio è anche sede del Centro Operativo Comunale, il punto di riferimento in caso di emergenze di protezione civile. Nel caso specifico infine, parliamo di un intervento “poco visibile” ma ancor più importante visto che riguarda la parte strutturale dell'edificio. Anche in questo caso è giusto sottolineare la sensibilità della Regione Emilia Romagna che, ancora una volta, finanzia interventi strategici per il futuro di comunità piccole e montane come la nostra". 

Potrebbe interessarti

  • Cattivi odori addio: ecco come pulire i bidoni della spazzatura

  • Proteggi la tua casa dai ladri: 9 consigli da applicare prima di andare in vacanza

  • Micosi sulle unghie dei piedi: 5 rimedi naturali

I più letti della settimana

  • Va alla scoperta delle bellezze rurali, un infarto lo uccide: la vittima è un volto noto di Forlì

  • Con il rombo orgoglioso delle Harley, l'ultimo saluto a Filippo Corvini: "Vivete come lui, col sorriso sul volto"

  • "Una presenza della nostra comunità": Castrocaro piange la giovane Giulia

  • Il dramma di Castrocaro, l'appello della madre: "Chi ha informazioni mi contatti"

  • Vite spezzate nel terribile schianto, comunità romena in lutto: parte la raccolta fondi per i funerali

  • Ha combattuto per anni contro un tumore: si è spento il cuore generoso del pizzaiolo Giovanni Fasciano

Torna su
ForlìToday è in caricamento