menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Santa Sofia, novità al "Fiocco di neve": nido a costo zero per le famiglie

"Da sempre desideriamo sostenere le famiglie - dice l'assessore alle Politiche Sociali Ilaria Marianini - e negli ultimi anni abbiamo investito molte volte nel servizio del Nido

Già da alcune settimane è iniziato l'anno scolastico del Nido Fiocco di Neve di Santa Sofia, dove le educatrici e i bambini svolgono tutte le routine e le attività quotidiane in sicurezza. Ovviamente l'emergenza sanitaria ha dettato alcune novità in ambito organizzativo ma i servizi sono, dunque, tutti garantiti e per le famiglie sono arrivate anche nuove notizie positive: l’amministrazione comunale di Santa Sofia, infatti, che da sempre riconosce l’importante ruolo educativo che compete al Nido d’Infanzia ha stabilito un forte abbattimento delle rette, che nella maggioranza dei casi, sommato alle agevolazioni regionali, permette di frequentare il Nido a costo zero.

"Da sempre desideriamo sostenere le famiglie - dice l'assessore alle Politiche Sociali Ilaria Marianini - e negli ultimi anni abbiamo investito molte volte nel servizio del Nido, calmierando i costi a carico delle famiglie. Oggi, anche in considerazione del particolare momento di crisi che stiamo vivendo, abbiamo scelto di dare un ulteriore segnale: sappiamo che è fondamentale offrire servizi adeguati e noi crediamo che sia molto importante garantire un Nido a costo zero alle giovani coppie che scelgono di vivere a Santa Sofia. I buoni servizi non sono un prerogativa delle grandi città".

A livello pratico, le rette del Nido hanno un costo variabile tra i 140 e i 190 euro per la frequenza part-time e tra i 200 e i 300 euro per la frequenza full time, mensa compresa. Su queste rette gli Uffici dell'Asp potranno applicare uno sconto pari al 50% alle famiglie che presentano una dichiarazione Isee inferiore a 26mila euro, a cui si aggiunge la possibilità di richiedere il Bonus Nido, erogato a tutte le famiglie dalla Regione Emilia Romagna e il cui importo varia in base alla dichiarazione Isee.

“Le famiglie con un reddito Isee inferiore a 45.000 euro, dunque, riceveranno una fattura di importo pari al Bonus Nido: starà ad ogni singola famiglia farne richiesta direttamente all'Inps come da regolamento - continua Marianini -. Per loro, il Nido è praticamente gratuito, sommando le agevolazioni comunali e il Bonus. Ci sembrava importante investire ulteriori risorse in questo senso, anche perché probabilmente nell'anno scolastico 2020 – 2021 la frequenza di molti bambini sarà inferiore rispetto agli altri anni".

"In tutto questo è stato fondamentale il lavoro di squadra con Asp San Vincenzo de' Paoli e Formula Servizi alla Persona, che gestisce il Nido . conclude il sindaco di Santa Sofia Daniele Valbonesi -. Insieme riusciremo ad affrontare anche la sfida del ritorno alla quotidianità, per offrire ai più piccoli un luogo accogliente e sicuro in cui trascorrere le giornate. Come ribadisco, non dobbiamo abbassare la guardia ma dobbiamo riprendere in mano le nostre vite con maggiore consapevolezza, nel rispetto degli altri e di noi stessi".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Scroccadenti romagnoli, uno tira l'altro: la ricetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento