rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca

Scacco matto ai "furbetti" sul bus: anche chi avrà l'abbonamento dovrà obliterare

Nella rete urbana di trasporto di Forlì (zona tariffaria 860) biglietti e abbonamenti dovranno essere introdotti o avvicinati al validatore di bordo ad ogni salita sul bus

Debutta in via sperimentale nel comprensorio forlivese la validazione obbligatoria dei titoli di viaggio del trasporto pubblico, introdotta dalla Legge Regionale 25/2016 e richiamata dal Decreto Legge 50/2017. Dai primi mesi del 2018, con un percorso graduale che prevede l’introduzione di sanzioni per chi non rispetta la nuova modalità di utilizzo di biglietti e abbonamenti, Start Romagna introdurrà nei vari territori in cui gestisce i servizi di trasporto pubblico locale la novità della convalida del titolo di viaggio ad ogni utilizzo, non solo per i titoli di viaggio di corsa semplice ma anche per tutte le tipologie di abbonamento (mensile, annuali, student e agevolato).

AUTOBUS, LA NOVITA': IL VIDEO

Il progetto debutterà successivamente anche nelle altre realtà urbane della Romagna. Nella rete urbana di trasporto di Forlì (zona tariffaria 860) biglietti e abbonamenti dovranno essere introdotti o avvicinati al validatore di bordo (a seconda delle caratteristiche del titolo è richiesta una timbratura o una convalida contactless) ad ogni salita sul bus, anche in caso di trasbordo da un mezzo all’altro lungo il percorso, come spiegato dalle due mascotte Tac e Bip attraverso i materiali informativi tradizionali e multimediali prodotti per l’occasione. L’iniziativa si inserisce nel più ampio progetto di Start Romagna denominato "Ok Bus", finalizzato a promuovere le buone regole e a contrastare i comportamenti non appropriati, in particolare l’evasione tariffaria e l’elusione tariffaria (pagamento di una tariffa più bassa di quella dovuta).

Autobus, validazione obbligatoria dei titoli da viaggio

La convalida dei titoli di viaggio è elemento portante del sistema tariffario regionale MiMuovo, attivo in tutte le realtà del trasporto pubblico della Regione Emilia Romagna. "L’introduzione della convalida dei titoli di viaggio ad ogni utilizzo consentirà di monitorare con più efficacia i livelli di evasione tariffaria, rendendo più agevole il controllo a vista dei comportamenti difformi e l’individuazione dei titoli non validi per il percorso, producendo nel contempo le informazioni necessarie alla puntuale conoscenza dei flussi di passeggeri per una maggiore efficienza ed efficacia del servizio", afferma il direttore di Start Romagna, Luciano Marchiori.

"Il progetto, attraverso la convalida obbligatoria del titolo di viaggio sugli autobus della rete urbana, e la gestione automatizzata dei relativi dati, ha l’obiettivo di promuovere buone regole di comportamento e di contrastare l’evasione tariffaria - afferma il sindaco Davide Drei -. Questa nuova iniziativa, promossa con una campagna informativa dedicata, si accompagna all’azione di rafforzamento della sicurezza di chi viaggia, grazie all’installazione del sistema di videosorveglianza a bordo dei mezzi e agli investimenti sulla rete del trasporto pubblico locale per rafforzare e rendere sempre più funzionale ed efficiente un servizio fondamentale per i cittadini".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scacco matto ai "furbetti" sul bus: anche chi avrà l'abbonamento dovrà obliterare

ForlìToday è in caricamento