rotate-mobile
Cronaca

Scatole Caritas piene di doni: il Natale riaccende la solidarietà dei forlivesi

Basta prendere una scatola di scarpe e riempirla con un accessorio di abbigliamento che tenga caldo, un dolce, un prodotto per l’igiene e un biglietto gentile: questo perché “a volte le parole valgono più degli oggetti”

"Forti delle oltre 6.000 scatole raccolte per la prima edizione, c’è venuto spontaneo riproporre il tutto anche quest’anno". Dal 29 novembre riparte l’iniziativa delle “Scatole di Natale”. L’idea è chiara: portare un po’ di calore e vicinanza “natalizia” a chi sta vivendo un momento di difficoltà. Aderire è semplice: basta prendere una scatola di scarpe e riempirla con un accessorio di abbigliamento che tenga caldo (guanti, sciarpe e cappelli), un dolce (una stecca di cioccolata, biscotti, un panettone o altro) un passatempo (libro, rivista, matite, quaderno, gioco ed altro), un prodotto per l’igiene (ad esempio crema, bagnoschiuma e shampoo) e un biglietto gentile: questo perché “a volte le parole valgono più degli oggetti”.

VIDEO - Come partecipare all'iniziativa

L’auspicio è che tutto deve avvenga secondo un autentico spirito di fraternità, “che possa accendere questo Natale, nella speranza del Signore Gesù che nasce per tutti noi, in particolare per le persone in crisi”. Gli oggetti inseriti dovranno essere nuovi e non deperibili. E’ fondamentale decorare la scatola e scrivere in un angolo a chi è destinata: donna, uomo o bambino (in quest’ultimo caso occorre aggiungere la fascia d’età). L’importante è non chiuderla: "Questo ci consentirà di verificarne il contenuto, per poi avviarla al suo destinatario naturale". Le scatole di Natale dovranno essere consegnate entro il 10 dicembre prossimo in via dei Mille 28, presso la sede della Caritas, dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 19.

Successivamente sarà la stessa organizzazione solidale diocesana, in coordinamento con le sue diramazioni parrocchiali, a far pervenire i regali alle persone e alle famiglie in difficoltà del territorio forlivese. Lo scorso anno i pacchi non furono consegnati solo ai nuclei seguiti dalle Caritas parrocchiali e dall’Emporio della solidarietà, ma anche ai malati del reparto Covid dell’Ospedale Pierantoni e ad altre realtà assistenziali del territorio, grazie all’impegno di decine di volontari. Per motivi organizzativi non verranno ritirati oggetti in sacchi o sacchetti. Per donare oggetti, giocattoli, libri o vestiti, è necessario portare tutto al Comitato per la lotta contro la fame nel mondo (via Lunga 43, 0543.704356).

L’iniziativa potrà essere proposta anche alle scuole, o a gruppi associativi, con la Caritas diocesana che si farà viva per il ritiro/consegna delle scatole. "Il nostro vescovo Livio - continua Monari - ha sottolineato l’importanza di promuovere azioni di prossimità significative, che siano segno di speranza e incoraggiamento nel valorizzare la cura delle relazioni. Auguriamo che il Tempo di Avvento che prepara al Natale, sia vissuto come cammino verso uno stile comunitario che rimetta sempre al centro il dono e la fraternità”. Con questa seconda edizione delle “Scatole di Natale”, la Caritas diocesana di Forlì Bertinoro tenterà nuovamente di farsi prossima agli altri, in particolare a coloro che vivono situazioni di disagio e precarietà. Su YouTube è già presente il video di presentazione: https://youtu.be/VlGNUcJwglA. Per qualsiasi informazione o richiesta, contattare direttamente la Segreteria Caritas allo 0543.30299, oppure via mail a segreteria@caritas-forli.it. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scatole Caritas piene di doni: il Natale riaccende la solidarietà dei forlivesi

ForlìToday è in caricamento