menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"No all'austerità", Cgil in piazza contro i tagli

E' al grido di "No all'austerità" che Cgil scende in piazza, il prossimo mercoledì 14 novembre, per lo sciopero contro i tagli che stanno mettendo in ginocchio i lavoratori. La manifestazione è proclamata a livello nazionale ma anche su scala europea e darà voce ai lavoratori e alle loro storie

E' al grido di "No all'austerità" che Cgil scende in piazza, il prossimo mercoledì 14 novembre, per lo sciopero contro i tagli che stanno mettendo in ginocchio i lavoratori. Uno sciopero contro quella austerità che secondo la Confederazione europea dei sindacati "non ha stimolato la crescita e ha prodotto aumento della disoccupazione". La manifestazione, che sarà della durata di 4 ore ed esteso a tutta la giornata per alcuni settori, è proclamata a livello nazionale ma si inserisce in un contesto più ampio: ad incrociare le braccia saranno, infatti, anche i lavoratori di Spagna, Grecia, Cipro, Malta e Portogallo.

L'appuntamento forlivese è fissato per le 9.30 davanti al palazzo della Prefettura, in piazza degli Ordelaffi: "A Forlì ci aspettiamo grande partecipazione" commenta Paride Amanti, segretario territoriale della Cgil. Il presidio si riunirà in mattinata durante la quale alcuni lavoratori forlivesi racconteranno la loro storia. "E' la prima volta che a Forlì viene organizzata una manifestazione di questo tipo - prosegue Amanti - Vogliamo portare il vissuto delle persone per descrivere la nostra realtà". Piazza degli Ordelaffi sarà popolata dai gazebo di ogni categoria e alle 11 sarà la voce di Antonio Mattioli, segretario regionale della Cgil, a dare il via al comizio.

Intanto, questo mercoledì sera alle 20.30, il sindacato incontrerà i lavoratori nella sede Cgil di via Pelacano 7 per un'assemblea pubblica. I temi sui quali Cgil si concentra sono la necessità di "politiche che non considerino lo stato sociale un costo ma una risorsa e l'incentivazione dell'occupazione giovanile tramite sgravi contributivi concessi alle aziende predisposte ad assumere giovani con contratti a tempo indeterminato". Chiede inoltre politiche di protezione sociale, applicazioni di una tassa sulle transazioni finanziarie e un maggiore sforzo contro l'evasione e la frode fiscale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento