Scuola, lavoro, tempo libero e sanità: ecco la Guida alle Risorse e ai Servizi per Famiglie

La raccolta dei dati è stata coordinata dal Centro per le Famiglie della Romagna forlivese

Presentata l'edizione 2020 della "Guida alle Risorse e ai Servizi per Famiglie con figli da 0 a 18 anni", l'utile e maneggevole strumento di informazione, che sarà distribuito in copia cartacea ed è scaricabile anche online dai siti dei Comuni del comprensorio forlivese. Ad illustrarne i contenuti e gli obiettivi gli assessori Rosaria Tassinari (Welfare e Politiche per la famiglia), Paola Casara (Scuola e Formazione) e Andrea Cintorino (Pari opportrunità), oltre al dottor Enrico Valletta, direttore di Pediatria dell'Ospedale di Forlì. La guida è frutto del contributo di operatori dei 15 Comuni, dell’Ausl Romagna sede di Forlì e dell’Ufficio Scolastico provinciale, associazioni e cooperative. La raccolta dei dati è stata coordinata dal Centro per le Famiglie della Romagna forlivese.

Si tratta, spiega Cintorino, di "un piccolo prontuario utile non soltanto ai nostri cittadini, ma anche a chi amministra questa città perché ci permette di conoscere le risorse e i protagonisti del terzo settore". Per Tassinari si tratta di "un ambizioso progetto informativo sulle politiche sociali che devono mettere al centro la persona e le sue esigenze". Uno strumento, chiosa Casara, "rivolto ai genitori ma anche agli operatori e ai diversi professionisti che godono della fiducia delle famiglie e possono svolgere un’importante funzione di orientamento".

Le informazioni sono suddivise su tre aree: "Scuola e servizi educativi", "Oltre la scuola" e "Servizi socio-sanitari". Si trovano notizie per agevolare la conciliazione fra tempi di lavoro e cura della famiglia (documenti, pratiche e link per approfondimenti vari), ma anche i riferimenti giusti per affrontare i cambiamenti e le difficoltà che ogni famiglia può trovarsi ad affrontare, per rendere disponibili, in un unico strumento, interventi di prevenzione e promozione del benessere insieme con quelli di tutela e cura, con un ventaglio di opportunità disponibili per tutti. Le informazioni sono riferite a servizi e attività costanti nel tempo, caratterizzati da stabilità e accreditati sul territorio.

Le notizie raccolte nella Guida sono poi descritte in modo più dettagliato nel sito www.informafamiglie.it. Le pagine forlivesi sono curate e aggiornate dagli operatori dello sportello Informafamiglie del Centro per le Famiglie della Romagna Forlivese che ha sede a Forlì. La Guida sarà inserita nei siti dei 15 Comuni del comprensorio e dell'Ausl Romagna – ambito di Forlì e dell’Ufficio Scolastico Provinciale. Saranno distribuite copie cartacee a insegnanti, pediatri, assistenti sociali, allenatori, educatori e catechisti.

La guida

La guida contiene tutte le scuole, dai nidi alle superiori pubbliche e private, anche istituti professionali ed enti di formazione; oltre 30 associazioni che organizzano attività per bambini e adolescenti; ben 12 centri educativi per attività extrascolastiche; 11 associazioni che seguono la futura mamma dalla gravidanza all'allattamento; tutti i servizi dell’Ausl per la famiglia e per bambini e ragazzi fino ai 18 anni; le realtà che offrono consulenza familiare e corsi e gruppi per genitori; 10 associazioni che offrono corsi e gruppi per famiglie straniere; 14 associazioni per il sostegno alle competenze dei genitori anche in situazioni di fragilità e di disagio; 24 associazioni di volontariato e associazionismo familiare; un ricchissimo Percorso Nascita, rivolto al periodo della gravidanza, della nascita e al primo anno di vita
dei bambini, con tantissime opportunità per futuri e neo genitori realizzate dall’Ausl Romagna – sede di Forlì e il Comune di Forlì; tutte le indicazioni per i contributi economici di sostegno alle famiglie.

E, ancora, tantissime proposte per il tempo libero e la creatività, con un ampissimo ventaglio di opportunità per il tempo extrascolastico di bambini e ragazzi con innumerevoli proposte legate allo sport in tutti i Comuni, evidente investimento verso la salute e la relazione con i coetanei. Anche l’offerta per gli adolescenti e le loro famiglie, dai centri di aggregazione ai servizi per problematiche più o meno complesse, risulta particolarmente qualificata, così come un’ampia gamma di forme di consulenza per rispondere a temi e problemi diversi, offerti da servizi pubblici e privati (consulenze familiari, mediazione familiare, consulenza psicologica, consulenza legale), integrate da diverse proposte volte a sostenere la vita quotidiana di bambini e ragazzi disabili o con situazioni personali e familiari complesse (oltre 40) e ad agevolare l’integrazione delle famiglie immigrate.

Oltre 30, ancora, le associazioni che si impegnano per la tutela dei bambini e ragazzi e sostengono la famiglia in situazioni complesse, anche verso le diverse forme di genitorialità e di supporto fra famiglie (affiancamento, affido familiare e adozione). Tante, infine, anche le pagine relative alle diverse forme di supporto alla vita quotidiana delle famiglie: trasporto scolastico e servizio mensa, contributi e agevolazioni per le famiglie, baby sitting, borse di studio e sussidi vari ma anche innovativi percorsi finalizzati alla coesione sociale e alla partecipazione o alle nuove forme di economia di prossimità. Fra le novità gli Sportelli di orientamento e informazione legale, opportunità per la conciliazione fra tempi di vita e di lavoro, il Protocollo per l'utilizzo dei pannolini lavabili ed i Gruppi di parola per figli di genitori separati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Chiude supermercato in corso della Repubblica, ma non si spegne la vetrina e restano i servizi ai residenti

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Violento schianto frontale sul rettilineo: grave una donna, soccorsa con l'elicottero

  • La rabbia del titolare del ristorante: "Lo Stato mi nega il ristoro, io riapro"

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento