Mercoledì, 17 Luglio 2024
Edilizia scolastica

Alluvione, antisismica, risparmio energetico e facciate: tutti i cantieri nelle scuole del prossimo anno scolastico

Si tratta della primaria “Livio Tempesta”, “Pio Squadrani", a Roncadello e a Villafranca. Interventi al Palazzo Studi di piazzale della Vittoria. A settembre tre incontri nelle scuole dei quartieri alluvionati

Riqualificazione energetica, miglioramento sismico e teleriscaldamento. Numerosi gli edifici scolastici interessati dagli interventi di risparmio energetico e di rifunzionalizzazione ai quali l’amministrazione comunale ha messo mano, da qui ai prossimi anni, che riguardano anche le scuole toccate dalla recente alluvione. 

Le scuole alluvionate

Si tratta, in particolare, della scuola primaria “Livio Tempesta”, dove sono partiti i lavori del secondo stralcio per l'adeguamento sismico, la funzionalizzazione impiantistica e l’efficientamento energetico e per la realizzazione di altre 10 aule, per un costo di 1 milione 500mila euro (da fondi Pnrr): affidati nel mese di luglio, termineranno nell’estate del prossimo anno. Tra gli istituti che hanno subito danno c’è la primaria “Pio Squadrani” di via Sapinia, nel quartiere Romiti, dove all’inizio del nuovo anno scolastico saranno trasferite circa 5 classi al seminario di via Lunga per consentire, anche qui, lavori di miglioramento sismico e funzionalizzazione impiantistica e di efficientamento energetico per un importo di 3 milioni 300mila euro - sempre da fondi Pnrr - che dureranno circa due anni. La stipula del contratto è prevista entro  il 4 settembre e la consegna dei lavori entro 45 giorni. Sono inoltre in corso lavori di ripristino post-alluvione anche alla primaria “D. Raggi” di Roncadello e a Villafranca.

“Fortunatamente gli istituti scolastici non hanno subito danni ingenti - dice l’assessora alle Politiche educative, Paola Casara - e siamo intervenuti tempestivamente per consentire agli studenti di tornare puntuali sui banchi in una situazione di normalità”. Per far sentire la vicinanza dell'amministrazione alle scuole colpite dagli eventi alluvionali di maggio, sono previsti tre incontri nel mese di settembre, collegati alle iniziative organizzate dalla Fabbrica delle Candele: il 12 settembre alla primaria "Pio Squadrani", il 18 alla media "Manzoni" e il 19 al Ronco, con il coinvolgimento dei comitati di quartiere.

I cantieri

L’altro grande cantiere - i lavori sono in corso e il completamento è previsto entro l’anno - riguarda il Palazzo Studi, “Ex Collegio Areonautico”, con il consolidamento degli intonaci esterni, da via Buonarroti fino a piazzale della Vittoria, per un costo di 1 milione di euro finanziato dall’amministrazione comunale. Sono in programma ulteriori interventi di riqualificazione dell’impianto di riscaldamento - nei mesi scorsi oggetto di polemiche per il cattivo funzionamento - con il rifacimento delle linee di distribuzione per 120mila euro, sempre in capo al Comune, che saranno affidati a breve. Sono stati completati gli interventi di efficientamento energetico eseguiti dal Consorzio Integra con la sostituzione degli apparecchi illuminanti e con il rifacimento degli infissi dell’ala occupata dal Technè.

Lavori di miglioramento sismico, adeguamento antincendio, eliminazione delle barriere architettoniche e di efficientamento energetico anche al Cpia (Centro provinciale per l’istruzione degli adulti) di via Oberdan, dove si prevede il completamento del primo stralcio entro il mese di settembre per un importo di 1 milione 350mila euro. E’ in corso la progettazione, che sarà approvata antro il mese di settembre, per la demolizione e la ricostruzione della scuola secondaria di primo grado “Piero Maroncelli”, con fondi Pnrr, per un importo lavori di 13 milioni 200mila euro.

Miglioramento sismico

Molti gli interventi - già completati o in dirittura d’arrivo - di riqualificazione energetica in 21 edifici scolastici e di miglioramento sismico in altri 5. Si tratta della scuola materna “Chiocciola” in via Missiroli, dove l’intervento è stato completato e il rientro è previsto a settembre; al nido “Scoiattolo” in via Salvemini, intervento completato e rientro previsto a settembre; alla scuola materna “Rondine” in via Salvemini, dove i lavori sono stati consegnati a luglio e termineranno alla fine dell’anno; alla materna “Gobetti” in via Piave, anche qui lavori in corso, il completamento è previsto nel 2023 e il rientro a inizio 2024;  alla materna “Arcobaleno” di via Fanti, qui i lavori saranno consegnati a breve e termineranno prima dell’inizio del nuovo anno scolastico 2024.

Teleriscaldamento 

Sono inoltre in corso i lavori di realizzazione di un mini teleriscaldamento che verrà attivato nella prossima stagione termica e che collegherà il complesso della media "Mercuriale", la materna "Api", la primaria “Pio Squadrani” e il palazzetto dello Sport del quartiere Romiti. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alluvione, antisismica, risparmio energetico e facciate: tutti i cantieri nelle scuole del prossimo anno scolastico
ForlìToday è in caricamento