"Senza pubblico l’arte non è arte": l'Arena San Domenico veste il tricolore per una prima da tutto esaurito

“Buona la prima!”, è stato il commento del sindaco Gian Luca Zattini prima di lasciare quasi per ultimo il nuovo spazio allestito

E’ iniziata con il tutto esaurito la prima serata della rassegna estiva programmata dal Comune di Forlì per l’estate 2020 nella nuova arena del San Domenico. “Buona la prima!”, è stato il commento del sindaco Gian Luca Zattini prima di lasciare quasi per ultimo il nuovo spazio allestito, un commento ripreso e condiviso dal dirigente Stefano Benetti, dall’assessore alla Cultura Valerio Melandri, dal vicesindaco Daniele Mezzacapo e dall’assessore al Turismo Andrea Cintorino.

VIDEO - La prima emozionante dell'Arena San Domenico

L’assessore Paola Casara, esprimendo l’entusiasmo e l’apprezzamento per la nuova location, ha proposto nel team di lavoro del primo cittadino che l’arena possa divenire luogo per la celebrazione dei matrimoni civili. I commenti sulla nuova arena, per nulla calda seppur nella serata le temperature hanno continuato ad essere tipicamente estive, sono stati positivi anche nel numeroso pubblico che mercoledì sera ha riempito le 200 sedie predisposte secondo le norme anti contagio previste per questa nuova fase; un apprezzamento composto per la cura per l’immagine con piante pensate scenograficamente e spazi concepiti per ospitare concerti, esibizioni teatrali e tanto altro.

La serata che apriva la rassegna aveva per protagonisti eccellenti artisti: Danilo Rossi, reduce dall’esperienza “la Scala sulle scale” sperimentata durante la pandemia, con un buon numero di ammiratori sul suo profilo Facebook che hanno potuto ascoltare l’esibizione del celebre musicista alla viola dal pianerottolo della sua abitazione a Milano, Alessandro Quarta al violino, Mario Brunello al violoncello e la voce di Alessio Boni. Danilo Rossi ha espresso prima dell’inizio del concerto un ringraziamento al sindaco e agli assessori: “Il concerto è il primo di un lungo cartellone della città di Forlì Musica che unisce l’orchestra Maderna e gli Amici dell’arte che porteranno qui 7 appuntamenti musicali - ha spiegato -. I concerti partono dall’idea che l’arte è vita. Senza pubblico l’arte non è arte. Grazie a voi che site qui”.

Il ringraziamento è stato fatto anche all’impresa sociale Cavarei che nella ripresa delle attività con una accordo ha ideato e realizzato dei cuscini speciali nel design e nell’utilizzo sperimentati dai musicisti nella serata. Il sindaco Zattini ha espresso ringraziamenti personali per tutti coloro che si sono impegnati per la realizzazione del cartellone degli spettacoli e dell’allestimento del nuovo luogo. In particolare, ha rivolto all’assessore alla Cultura una considerazione: "Grazie a Valerio (Melandri, ndr), perché quando abbiamo pensato cosa potevamo fare per la rinascita del mondo culturale abbiamo pensato a questo spazio: 200 posti in uno scenario di qualità e bello, con tutte le forme dello spettacolo".

"La situazione non è cambiata ed è sotto controllo, anche se ne abbiamo avute di non gradevoli nel nostro contesto cittadino, ma iniziamo a divertirci e da qui fino a settembre avremo tanti momenti per stare insieme. I nostri uffici hanno fatto di tutto per farci essere qui. Il clima è gradevole, divertiamoci, stiamo insieme dopo tanti mesi di dolore e di difficoltà perché è stata dura per la sanità e per tante altre persone", ha concluso. Al termine del concerto un lungo applauso ha accompagnato l’uscita dal palco dei musicisti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Chiude supermercato in corso della Repubblica, ma non si spegne la vetrina e restano i servizi ai residenti

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Violento schianto frontale sul rettilineo: grave una donna, soccorsa con l'elicottero

  • Porta loro da mangiare, viene aggredito dai cinghiali che aveva "adottato": trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento