menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sfida la crisi e apre un salone per parrucchiere: "E' il sogno che inseguo da sempre"

“So bene che è un periodo di grandi ristrettezze - spiega – ma è pur vero che il mio è il coronamento di un sogno che inseguo da sempre”

A Forlì tanti chiudono, ma lei apre. Protagonista della sfida ai “mala tempora” è Denise Ghirelli, signora dal fare gentile e molto concreta. “So bene che è un periodo di grandi ristrettezze - spiega – ma è pur vero che il mio è il coronamento di un sogno che inseguo da sempre”.

Dalla coda di questo “annus horribilis” dominato dal Covid e da tante ristrettezze, è appena scaturito un raggio di luce imprenditoriale. Il 10 novembre scorso, al numero 20 di via Caterina Sforza ha aperto i battenti un salone per parrucchiere. Approfittando anche del fatto che gli ultimi provvedimenti governativi e regionali hanno lasciato aperte le attività di servizio alla persona, Denise mantiene fede al suo proposito e lancia il guanto invece della spugna: “Ho deciso di aprire in questo punto del centro per ridare smalto a una strada molto bella e ricca di storia, ma anche povera di attività sebbene a due passi dal San Domenico”. Da qualche giorno, laddove c’era un garage si materializzano shampoo, rasature, pettinature e tinte. Il Civico 20 è il nome del nuovo esercizio “unisex”.

Denise ha imparato il mestiere “a bottega”, come si usava fare un tempo. Il suo primo approccio con la chioma e la peluria altrui risale al 1980. “Ho iniziato ad appena 14 anni come apprendista della signora Domenica, in via Ravegnana, a poche decine di metri dal Ponte del Vapore. L’ho seguita anche in corso della Repubblica, quando decise di ampliarsi aprendo il salone Jean Louis David Forlì”. In quegli anni sfavillanti, Denise con la sua equipe si trova catapultata persino in televisione, dietro le quinte del “Cantagiro”. “Nel luglio 1992 – ricorda l’artigiana – Rai Uno ci chiamò a Cesenatico, all’interno di Atlantica, per pettinare le protagoniste della competizione canora. Fu un’esperienza indimenticabile”.

Lasciata Jean Louis David Forlì, Denise continua la sua maturazione professionale a Forlimpopoli, per conto dei parrucchieri Guido e Alberto. Quasi alle soglie del nuovo millennio, l’artigiana interrompe la sua attività per dare una mano al marito Stefano Cicognani, titolare fino a pochi mesi fa del Cicobar, pubblico esercizio posto in corso Garibaldi, a due passi dalla Questura. Dopo un ventennio trascorso ad abbellire teste, Denise si ritrova a scaldare paste e a sfornare caffè e cappuccini.

“Negli anni da barista ho conosciuto tante persone, che ora continuo a servire nella mia nuova attività”. Quando lavorava da Jean Louis David, si era specializzata nel colore: “Credo che per ridare tono al nostro centro storico si debba fare un lavoro di squadra sotto un’unica regia, che potrebbe essere del Comune”. Nel giorno d’avvio della “sua” bottega, posta proprio di fronte a quella che fu la dimora dell’architetto Leonida Rosetti, la coraggiosa imprenditrice non ha potuto fare festa: tutto rimandato alla fine dell’epidemia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento