menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Si presenta Parolefatteamano, un'associazione culturale pronta a stupire

Si presenta Parolefatteamano, associazione culturale che ha già tutte le carte in regola per stupire. Per capire il significato e le finalità di questo nuovo soggetto, è sufficiente presentarsi sabato, alle 10, nei locali della biblioteca comunale di Meldola

Si presenta Parolefatteamano, associazione culturale che ha già tutte le carte in regola per stupire. Per capire il significato e le finalità di questo nuovo soggetto, è sufficiente presentarsi sabato, alle 10, nei locali della biblioteca comunale di Meldola, in piazza Orsini. Nata formalmente nel giugno scorso, l'associazione di promozione sociale Parolefatteamano affonda le radici nella straordinaria passione per la scrittura e le storie di vita di Ermes Fuzzi ed Astrid Valeck. Dopo alcune esperienze editoriali in ambito pedagogico, i due fondatori, che nella vita sono marito e moglie, hanno scoperto un interesse comune anche nel raccogliere ed archiviare memorie di comunità, sia dei singoli che dei gruppi sociali.

Spicca il caso dei tanti immigrati di San Gregorio Magno, giunti a Meldola dalla Campania nei primi anni '50, per coltivare le terre lasciate incolte dai locali. Ermes ed Astrid hanno frequentato la Libera Università di Anghiari, divenendo esperti in metodologie autobiografiche. “Il primo passo - dichiara Fuzzi - è ascoltare i ricordi. E' chiaro che i nostri interlocutori primari sono gli anziani, per poi passare a tutti coloro che hanno qualcosa da raccontare, meldolesi e non. Acquisite le prime registrazioni, abbiamo deciso di rilegare personalmente a mano i quaderni e le scritture sulle storie di vita di quanti intendono lasciare una traccia di sé, per contribuire alla creazione di un archivio della memoria del territorio meldolese”. È così che biografie e romanzi prendono vita dalle mani di Ermes e Astrid, quelle stesse mani che compongono il logo “Parolefatteamano” dominato dal giallo e dal rosso, i colori dello stemma della città di Meldola. La passione dei coniugi Fuzzi ha incontrato l'interesse di numerose altre persone, fino a diventare associazione.

“Prendersi cura delle narrazioni - interviene Astrid - significa tessere relazioni umane e sociali profonde, valorizzare la memoria della gente comune, contribuire a ricostruire le vicende individuali e collettive di un territorio”. In poco più di un anno di ascolto sono emersi i profondi legami di Meldola con la storia nazionale e internazionale. “L'importante è non disperdere preziose testimonianze che celano sempre altissimi valori morali ed umani” La conservazione di questi tesori, in accordo con il Comune di Meldola, è stata affidata ad uno spazio pubblico, la biblioteca comunale “F. Torricelli”.

Oltre alla presentazione ufficiale della nuova associazione, il 6 aprile prossimo, dalle 9,45 alle 11,45, il contenitore culturale di piazza Orsini ospiterà anche il laboratorio di scrittura autobiografica “Scrivere fa bene alla vita”, che si svilupperà per 6 sabati consecutivi. Si tratta di un atelier di scrittura dedicato a persone maggiorenni che siano in grado di esprimersi e scrivere in un italiano comprensibile. “Non è necessario- conclude Ermes - alcun titolo di studio o esperienza di scrittura. Si tratta solo di lasciarsi guidare dagli stimoli alla scrittura che io e Astrid proporremo agli iscritti”. Chi desidera saperne di più, può inviare una mail al seguente indirizzo: parolefatteamano@gmail.com, oppure telefonare al 329-3912330. Parolefatteamano è iscritta nel registro provinciale delle associazioni della provincia di Forlì-Cesena.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento