Si riattiva un vecchio allevamento di polli, protesta della frazione: "Troppo vicino al paese per gli odori"

C'è preoccupazione per la riattivazione di un allevamento avicolo dismesso a Roncadello. Il caso è finito al centro di un question time del consigliere di Italia Viva Massimo Marchi

C'è preoccupazione per la riattivazione di un allevamento avicolo dismesso a Roncadello. Il caso è finito al centro di un question time del consigliere di Italia Viva Massimo Marchi, discusso nel consiglio comunale di lunedì pomeriggio. Il riferimento è alla richiesta della società agricola 'Bastia' di Mercato Saraceno dell'autorizzazione ambientale dell'Arpae finalizzata all'ammodernamento del sito, in disuso da circa vent'anni.

Spiega Marchi: “Il comitato di quartiere Roncadello è preoccupato per la richiesta di rimettere in funzione in via Fratelli Valpiani 4 A, un allevamento avicolo, portandolo da 47 tonnellate a 72 tonnellate di peso vivo allevabile”. Marchi ricorda che l'allevamento fu realizzato “negli anni '60, quando il centro abitato era ridotto, mentre ora si trova a 300 metri dalla scuola elementare e dal centro del paese”. Secondo i progetti viene di fatto realizzato di fatto un nuovo capannone, una nuova area scarico e carico, una nuova area per le deiezioni animali, due bomboloni di Gpl, 4 silos, un pozzo artesiano e nuove coperture. Il timore, im sostanza, è per i cattivi odori e il maggiore traffico circolante nella frazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per Massimo Marchi, quindi, “sarebbe opportuno valutare l'ipotesi di un sito più adatto non a ridosso del centro abitato di Roncadello, cercando una soluzione alternativa dato che la società agricola dichiara di avere a disposizione 37 ettari di terreni su cui spandere le deizioni”. L'assessore all'Ambiente Giuseppe Petetta si è limitato a confermare il progetto è spiegare che “la richiesta di autorizzazione ambientale viene data da Arpa e il Comune ha inviato ad Arpa le sue osservazioni, di cui si è discusso lo scorso 3 luglio 2020 nella prima conferenza dei servizi”. Il Comune ha quindi chiesto integrazioni per la “salvaguarda della salute dei residenti, ma l'autorizzazione la darà Arpa. Ora è ancora in corso il procedimento”. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Per un numero sfiora il colpo da 500mila euro: giovane gioisce con una vincita al 10eLotto

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • Coronavirus, possibile stretta in vista: a rischio chiusura ristoranti, parrucchieri e palestre

  • Da Forlì parte la ribellione delle palestre: "Se imporranno la chiusura, non chiuderemo"

  • Covid-19, test sierologici rapidi gratis per studenti e famiglie: l'elenco delle farmacie

  • Coronavirus, due insegnanti e tre studenti infettati: classe dell'asilo in quarantena

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento