Si "sfidano" prima alla Caritas e poi in un bar: la lite dopo pranzo costa loro una denuncia

L’intervento della volante dell’Ufficio Prevenzione Generale della Polizia di Stato è avvenuto dapprima nella mensa, dove era stata segnalata la lite in corso

Prima si sono affrontati nella mensa della Caritas di via Ravegnana. Poi nei pressi di un bar di viale Vittorio Veneto. Un'accesa lite è costata a tre soggetti una denuncia a piede libero. L'episodio si è consumato domenica scorsa dopo pranzo. L’intervento della volante dell’Ufficio Prevenzione Generale della Polizia di Stato è avvenuto dapprima nella mensa, dove era stata segnalata la lite in corso, ma all’arrivo dei poliziotti dei litiganti non vi era più traccia. Gli agenti hanno quindi pattugliato la zona, individuando i tre soggetti nei pressi di un bar di viale Vittorio Veneto.

A questo punto, uno dei tre si è scagliato verbalmente contro i poliziotti, minacciandoli ed incitando gli altri presenti a dargli man forte attizzando gli animi per una aggressione vera e propria contro gli uomini in divisa. Tutti sono stati comunque immediatamente bloccati. Al termine delle formalità di rito i tre sono stati segnalati all'autorità giudiziaria a vario titolo con le accuse di "resistenza a pubblico ufficiale", "minaccia a pubblico ufficiale", "porto di strumenti atti ad offendere e lesioni".

Il più esagitato è risultato gravato da una misura cautelare dell’obbligo di dimora con permanenza notturna nella sua abitazione applicato a seguito di un arresto in flagrante alla fine del 2019. La magistratura ha così disposto l’aggravamento della misura stessa con l’applicazione degli arresti domiciliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Attaccato dai cinghiali che aveva "adottato": il 65enne non ce l'ha fatta

  • Porta loro da mangiare, viene aggredito dai cinghiali che aveva "adottato": trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento