menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sicurezza, aumentano i malviventi arrestati in flagranza

Si è tenuta venerdì mattina in Prefettura una riunione del Comitato Provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica presieduta dal Prefetto di Forlì-Cesena

Si è tenuta venerdì mattina in Prefettura una riunione del Comitato Provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica presieduta dal Prefetto di Forlì-Cesena, cui hanno preso parte il Presidente del Tribunale, il Procuratore della Repubblica, il Presidente dell’Amministrazione Provinciale, i Sindaci di Forlì e di Cesena, il Questore, il Comandante Provinciale dell’Arma dei Carabinieri, nonché i vertici della altre Forze di Polizia operanti sul territorio.

L’intera seduta è stata dedicata ad una approfondita disamina della situazione dello stato complessivo della sicurezza in provincia, con segnato riguardo a quella delle aree urbane di Forlì e di Cesena, oltre che, in prospettiva dell’imminente periodo estivo, di quelle della zona rivierasca di competenza. L’azione congiunta di tutti i soggetti istituzionali coinvolti, che costituisce una nota caratterizzante l’azione volta a elevare i livelli di sicurezza complessivi in provincia, ha così permesso di evidenziare una situazione in cui appare indispensabile favorire iniziative volte a far conoscere alla collettività il forte impegno da tutti profuso a tal fine.

Ciò in vista dell’auspicabile riequilibrio tra la percezione della sicurezza delle collettività interessate con l’andamento complessivo della delittuosità registrata sul territorio. L’analisi dei dati compiuta, nell’occasione, esaminando i riscontri della coordinata azione di prevenzione reiteratamente affinata in seno al Comitato con l’attiva partecipazione di tutti i soggetti nell’occasione intervenuti, ha infatti fatto emergere segnali incoraggianti, dimostrando la validità delle strategie attuate, pur non potendosi escludere un ulteriore incremento della delittuosità complessiva e della relativa pericolosità atteso il particolare momento congiunturale.

In tale contesto il recupero di personale della Polizia di Stato e dell’Arma dei Carabinieri, permesso dalla prossima attivazione nel Tribunale di Forlì di appositi servizi di controllo destinati ad essere curati da personale del Comune, consentirà a breve di implementare ulteriormente la presenza di personale in divisa in servizio attivo sul territorio. Ciò insieme ad un’altra serie di misure allo stesso fine definite, in particolare per cercare di accrescere il senso di sicurezza della gente attraverso la presenza, in strada, di personale di Polizia in divisa.

Riscontro positivo, pur non potendosi escludere in futuro un complessivo incremento della delittuosità, ha peraltro avuto l’azione di repressione nel complesso effettuate dalla Procura della Repubblica, le cui risultanze, illustrate nell’occasione dal Procuratore Capo Sergio Sottani, hanno evidenziato un significativo incremento del numero degli autori dei reati identificati, oltre che delle persone arrestate in flagranza di reato, con la consequenziale condanna per direttissima che, in qualche caso, ha addirittura portato alla restrizione in carcere dei rei dopo solo tre ore dall’arresto.

Tanto a conferma di come il momento della prevenzione e quello della repressione debbano essere unitariamente azionati, come testimoniato dall’abitudine di lavorare insieme dai responsabili provinciali delle Istituzioni competenti. L’assoluta unità di intenti e di linee di azione tra tutti i presenti ha così condotto al comune impegno di favorire al massimo iniziative di sensibilizzazione della popolazione, con particolare riferimento alle fasce più deboli della stessa.

Appare, infatti, decisivo favorire la massima collaborazione possibile della cittadinanza sia in termini di attivazione di misure di sicurezza passiva che in vista della sollecita segnalazione da parte della stessa agli Organi di Polizia di ogni elemento di preoccupazione sotto il profilo dell’ordine e la sicurezza pubblica che possa, oltre che prevenirne la commissione, consentire un’immediata individuazione degli autori dei crimini.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Troppo stress nel lavorare da casa: il burnout da smart working

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento