menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scompare nel mistero, di Silvia ancora nessuna traccia

E' uscita di casa nella tarda mattinata di Pasqua, dicendo che sarebbe andata a fare una corsetta e che sarebbe tornata di lì a poco. Ma così non è stato e tra i familiari c'è notevole apprensione

E' uscita di casa nella tarda mattinata di Pasqua, dicendo che sarebbe andata a fare una corsetta e che sarebbe tornata di lì a poco. Ma così non è stato e tra i familiari c’è notevole apprensione. Sono ore di angoscia per la scomparsa di Silvia Pedroni, forlivese di 38 anni, nubile, che fino allo scorso luglio ha lavorato a Bologna nel settore del recupero crediti. In quel periodo ha deciso di chiedere un periodo di aspettativa e si è trasferita in un’abitazione vicina a quella dei genitori a Forlì.

La donna ha con sé i farmaci necessari per la sua terapia ma ha lasciato a casa i documenti, il cellulare e le chiavi di casa. Al momento della scomparsa indossava un giubbino impermeabile marrone scuro, una felpa rossa, dei calzoni di una tuta neri, delle scarpe da ginnastica bianche, uno zainetto a quadri marroni e beige. Porta occhiali da vista con montatura nera. Tra i segni particolari una piccola cicatrice sul dorso della mano destra in prossimità del dito indice.

E' scattato così il protocollo che riguarda la scomparsa di persone, messo a punto dalla prefettura forlivese alcuni mesi fa, che coinvolge nella ricerca le forze dell'ordine con tutti i mezzi a loro disposizione. Ma finora le battute di carabinieri, polizia, guardia di finanza, protezione civile, unità cinofile e squadre a cavallo non hanno dato esito. Perlustrati anche campi e corsi d'acqua attorno alla città. L'unica flebile traccia della donna è arrivata dal fiuto di un cane in via Ca' Rossa, ma la pista è presto svanita.

Nessuna ipotesi al momento viene esclusa dagli investigatori, compresa quella di un allontanamento volontario. Il capitano dei Carabinieri della Compagnia di Forlì, Fabrizio Fratoni, chiede la collaborazione anche di testimoni, che possono mettersi in contatto con gli investigatori chiamando il 112. I familiari hanno diffuso un volantino.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento