Emergenza caldo, nelle prossime ore è atteso il picco: sfondati i 37°C. I consigli di Ausl Romagna e Comune di Forlì

Il sistema di allarme regionale, curato dall’Arpae, è in grado di prevedere con 72 ore di anticipo l’arrivo di ondate di calore

L'attesa ondata di caldo africano, che sta colpendo l'Italia e l'Europa, si è impadronita della Romagna. Giovedì la colonnina di mercurio è schizzata ovunque oltre i 35°C. A Forlì il termometro ha toccato i 37,8°C (rete amatoriale associata ad Emilia Romagna Meteo), ma non va meglio in quota dove anche oltre i 700 metri la temperatura ha varcato la soglia dei 30°C. Questo per quanto riguarda il dato misurato, perchè l'indice di calore è di qualche grado più elevato: in città ha superato i 41°C, così come alcune aree collinari (ben 42.5°C a Predappio). In Emilia Romagna il sistema di allarme regionale, curato dall’Arpae, è in grado di prevedere con 72 ore di anticipo l’arrivo di ondate di calore.

"ONDATA ECCEZIONALE DI CALDO IN ARRIVO" - L'INTERVISTA AL METEOROLOGO

Sono di "disagio" le previsioni del servizio meteorologico regionale per la giornata di venerdì sul territorio forlivese. Per l’area urbana di Forlì, recita il bollettino, l'indice di Thom medio sarà pari a 25; mercoledì è stato osservato un valore di 24. "Un netto miglioramento" è atteso per la giornata di venerdì. Gli effetti sanitari del disagio – ricorda Arpae - potrebbero essere aggravati da eventuali concentrazioni elevate di ozono. Per l'area collinare, venerdì è previsto il perdurare di condizioni bioclimatiche di "debole disagio" (Thom medio pari a 24), mentre in montagna è previsto un incremento dell'indice di Thom solo venerdì, quando si eleverà a 24 (mercoledì è stato di 21).

Risentono degli effetti del caldo soprattutto le persone anziane, chi è affetto da malattie croniche, le persone che vivono sole, coloro che si trovano in condizioni socio-economiche disagiate. E’ attivo già da alcuni giorni, su tutto il territorio dell’Ausl Romagna, il piano per il contrasto delle ondate di calore che ormai da vari anni viene realizzato con gli Enti Locali, finalizzato a contrastare il disagio della popolazione, in particolare quella anziana: basti pensare che sul territorio romagnolo vivono oltre 143mila ultrasettantacinquenni.

In linea con quanto previsto dalla Regione Emilia Romagna, le principali azioni previste, e già attivate a partire dalla fine di maggio a cura dei Distretti dell’Ausl, contemplano in primis uno stretto raccordo, oltre che con gli Enti Locali e con i Medici di Medicina Generale, con le associazioni di volontariato e le organizzazioni no profit (tra cui la Protezione Civile, la Caritas, e altre presenti nei vari territori), per rendere gli interventi sinergici e quindi più efficaci. L'amministrazione mercuriale ha curato la diffusione di opuscoli informativi nei luoghi più frequentati dagli anziani e al domicilio di quelli che vivono soli, al fine di offrire consigli pratici per la prevenzione dei rischi derivanti dalle ondate di calore e informazioni sulle opportunità e i servizi offerti sul territorio per superare l’isolamento e contenere i disagi connessi al periodo estivo. L’opuscolo è scaricabile anche dal sito web del Comune di Forlì www.comune.forli.fc.it

Per informazioni è possibile rivolgersi al Servizio Anziani del Comune di Forlì (Corso Diaz 21, telefono 0543 712786), aperto al pubblico lunedì e venerdì dalle 8.30 alle 13.30; martedì dalle 8.30 alle 13.30 e dalle 15 alle 17.30, giovedì dalle 15.30 alle 17.30. Per appuntamenti con le assistenti sociali o per informazioni è possibile telefonare allo sportello sociale 0543/712888 lunedì, mercoledì e venerdì dalle 8.30 alle 13.30; martedì e giovedì dalle 8.30 alle 18.

Consigli pratici

Tra le fasce di popolazione che maggiormente possono risentire delle ondate di caldo vi sono anziani e bambini. I bambini, ad esempio, hanno una superficie corporea maggiore a confronto del volume, rispetto agli adulti e hanno una temperatura di base più alta. E’ bene perciò che i genitori prestino la massima attenzione ai propri figli, poiché i bambini sudano meno degli adulti, e quando hanno caldo hanno più difficoltà ad esprimerlo, specialmente se molto piccoli. Anche per loro è raccomandata un’idratazione adeguata, possibilmente con acqua e non con succhi di frutta o bibite gassate o contenenti caffeina, e non troppo fredda, e un abbigliamento adatto e con capi leggeri e di fibre naturali.

Per quanto riguarda gli anziani, anch’essi devono seguire una corretta alimentazione e idratazione, ed in questo caso sono i figli o altri parenti più giovani a dover aumentare l’attenzione. Certo vanno privilegiati i cibi leggeri, ma bisogna cercare di combattere la tendenza, che in alcuni anziani si presenta, di mangiare troppo poco quando arriva il caldo. Assai importante bere molto e spesso. Quanto all’aria condizionata, meglio non utilizzarla a temperature troppo basse. Particolare attenzione dovranno averla anche le persone cardiopatiche, diabetiche (specialmente se insulinodipendenti) e con problemi respiratori, nel seguire i suggerimenti legati al caldo.

Come limitare il disagio

  •     Bere molto e spesso (fino a due litri d’acqua al giorno) anche quando non si ha sete
  • Mangiare molta frutta e verdura; fare pasti leggeri
  • Vestirsi con abiti leggeri, di colore chiaro, non aderenti, di cotone, lino o comunque fibre naturali
  • Nelle ore più calde usare tende o chiudere le imposte
  • Fare bagni o docce con acqua tiepida
  • Stare il più possibile con altre persone
  • Passare più tempo possibile in ambienti con aria condizionata
  • Consultare il proprio medico prima di assumere integratori di sali minerali, se si assumono farmaci in maniera regolare
  • Pulire i filtri dei condizionatori periodicamente (sono un ricettacolo di polveri e batteri) e regolare la temperatura a 25/27 gradi, e comunque non troppo bassa rispetto a quella esterna
  • Se si è affetti da diabete o ipertensione o da altre patologie che implicano l’assunzione continua di farmaci, è importante consultare il proprio medico di famiglia per conoscere eventuali reazioni che possono essere provocate dalla combinazione caldo/ farmaco o sole/farmaco.

Cosa non fare

  •     Evitare di bere bibite gassate e contenenti zuccheri
  • Evitare di bere alcolici e caffè
  • Evitare di consumare cibi troppo caldi
  • Limitare l’uso del forno e dei fornelli
  • Evitare, per quanto possibile, di uscire tra le 12 e le 17
  • Evitare il flusso diretto di ventilatori o condizionatori e le correnti d'aria
  • Non lasciare mai nessuno, neanche per brevi periodi, in macchine parcheggiate al sole
  • Ridurre il più possibile l'utilizzo del pannolino per i bambini e degli analoghi presidi per gli anziani.

Potrebbe interessarti

  • Smettere di fumare: come affrontare la dipendenza senza ricaderci

  • 7 cose da fare in casa prima di partire per le vacanze: tu le hai fatte?

  • Dalla G alla A: come migliorare la classe energetica di casa

I più letti della settimana

  • Arriva al pronto soccorso e muore in poche ore, ucciso da una meningite fulminante

  • Tragedia di ritorno dal mare causata da un colpo di sonno: ventenne muore in autostrada

  • Tragedia nella notte in A14: tra i due morti anche una forlivese

  • Mezzanotte di paura, nuova scossa di terremoto nel forlivese

  • Dipendente comunale ucciso dalla meningite fulminante, profilassi anche in alcuni uffici municipali

  • "Afferra i bambini e allarma le mamme": paura in centro. La polizia ferma un uomo

Torna su
ForlìToday è in caricamento