Giovedì, 18 Luglio 2024
L'ondata di maltempo / Modigliana

Le frane fanno sempre paura, case minacciate: a Modigliana evacuati 50 nuclei familiari

Sul posto la vicepresidente Priolo: "Massimo impegno per portare in sicurezza le persone, questa è la priorità"

Modigliana, Dovadola e Predappio. Nei territori di questi comuni, e in tutto l’Appennino forlivese, prosegue h24 l’attività per far fronte ai movimenti franosi e alle criticità causate dalle piogge battenti dei giorni scorsi. A Modigliana, in particolare – dove giovedì, tramite l’elicottero dei Vigili del fuoco, sono stati portati in salvo 8 operai rimasti isolati – si è svolta l’evacuazione di circa 50 nuclei familiari, le cui abitazioni sono minacciate dal dissesto.

SPECIALE MALTEMPO - Tutte le notizie e gli aggiornamenti

Sul posto la vicepresidente della Regione, Irene Priolo, che ha partecipato alla riunione del Centro coordinamento dei soccorsi (Provincia di Forlì-Cesena). Presenti anche Questura, Vigili del fuoco, Guardia di Finanza, Agenzia regionale per la Sicurezza territoriale e la Protezione civile, Soccorso Alpino, Provincia, Enel oltre alle amministrazioni comunali di Modigliana, Dovadola e Predappio.

Evacuazione per 50 famiglie a Modigliana con gli elicotteri

"Si sta procedendo, in supporto alla Prefettura e al Comune - ha dichiarato Priolo - ad organizzare nel più breve tempo possibile le operazioni di evacuazione, sfruttando le attuali condizioni meteo che permettono di svolgere le attività. La priorità, in questo momento, è la sicurezza delle persone, e il massimo impegno è rivolto a questo. I nuclei familiari già evacuati al momento sono alloggiati a casa di parenti. Il volontariato locale di Protezione civile è all’opera per ridurre le criticità e supportare i Vigili del fuoco negli interventi di pulizia delle strade e rimozione di detriti".

La situazione a Modigliana

“La situazione a Modigliana è grave e il primo obiettivo è mettere in sicurezza le famiglie isolate: per questo i Vigili del fuoco sono al lavoro e ringrazio loro, insieme alla Regione, alla Prefettura e all’intero sistema di protezione civile - afferma il sindaco Jader Dardi -. Il passo immediatamente successivo all’evacuazione sarà una verifica puntuale delle condizioni della viabilità. Sarà un lavoro lungo, fino al ripristino delle condizioni di normalità in un territorio che il maltempo ha flagellato”.

Il Comune di Modigliana, attraverso il Centro Operativo Comunale (Coc), sta procedendo alla verifica, censimento e monitoraggio delle segnalazioni dei dissesti che hanno interessato il territorio e la viabilità, provinciale e comunale. Le principali criticità finora riscontrate riguardano la zona del Trebbio, con la Strada Provinciale 21 chiusa per frane (sono in atto interventi da parte di Vigili del fuoco e del Comune sia da via San Casciano che da via Ibola), via Lago, via Valgimigli e via Marradese, via Costa. Per quanto riguarda il torrente Ibola, si è verificato un crollo di materiale e piante nell’alveo.

Il resto del territorio

A Dovadola le principali criticità sono rappresentate dai dissesti in località Trove e dai dissesti diffusi che interessano la strada comunale per Montepaolo. Il Comune ha proceduto all'evacuazione di nuclei familiari interessati; l’Ufficio territoriale dell’Agenzia regionale di Protezione civile ha installato un sistema di monitoraggio in località Trove, per la valutazione tecnica del dissesto.

Per quanto riguarda la frana di Predappio Alta, sono stati ripristinati i servizi essenziali. Il Comune sta censendo altre segnalazioni su dissesti che interessano anche la viabilità. Infine, sta procedendo il deflusso delle piene del fiume Montone e relativi affluenti: l’evoluzione è stata monitorata dall’Ufficio territoriale dell’Agenzia regionale di Protezione civile e dai volontari del Coordinamento di Forlì-Cesena.

Modigliana, il sopralluogo-2Modigliana, la riunione del Coc-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le frane fanno sempre paura, case minacciate: a Modigliana evacuati 50 nuclei familiari
ForlìToday è in caricamento