Smog, scattano le misure d'emergenza: stop anche ai diesel Euro 4

Entrano in vigore da venerdì anche a Forlì le misure emergenziali previste dal primo livello di allerta

La pianura padana vista dallo spazio, foto dalla pagina Facebook dell'astronauta Paolo Nespoli

Alta pressione, assenza di venti e ristagno dell'aria. La conseguenza è il ritorno dello smog. Entrano in vigore da venerdì anche a Forlì le misure emergenziali previste dal primo livello di allerta, per il contenimento e la riduzione dell'inquinamento atmosferico, a causa dello sforamento continuativo del valore limite giornaliero di polveri sottili pm10. In seguito alla verifica effettuata dall'Arpae dell'Emilia Romagna, visto il superamento continuativo negli ultimi quattro giorni del valore limite giornaliero di polveri sottili pm10 (50 microgrammi/m3), entrano in vigore automaticamente fino ad almeno lunedì, successivo giorno di controllo, le misure emergenziali previste dal primo livello di allerta.

Si tratta della prima applicazione sul territorio forlivese, dopo che nei giorni scorsi è avvenuto in diverse città capoluogo della regione, delle misure emergenziali introdotte dal nuovo Piano Aria regionale e dall’Accordo di Bacino Padano siglato il 9 giugno tra le Regioni Emilia-Romagna, Piemonte, Lombardia e Veneto. In provincia sono stati registrati cinque sforamenti, mentre in città le stazioni di rivelamento installate al Parco Della Resistenza e in viale Roma hanno superato la soglia dei 50 microgrammi per metrocubo solo tre volte nel mese di ottobre, portando il numero di sforamenti totali nel corso del 2017 rispettivamente a 17 e 20.

Le misure

Oltre alle limitazioni già previste dall’ordinanza, per i diesel si estenderà il divieto anche alla categoria M1 omologata Euro 4 e scatteranno ulteriori divieti: utilizzo di stufe a biomassa (legno, pellet e cippato) con prestazioni emissive inferiori alla classe 3 stelle in presenza di impianti alternativi; divieto di combustione all’aperto (residui vegetali e di potature e falò); abbassamento del riscaldamento fino a un massimo di 19°C negli edifici di residenza e 17°C nei luoghi che ospitano attività produttive; divieto di sosta con motore acceso per tutti i veicoli; potenziamento dei controlli sui veicoli nei centri urbani; e divieto di spandimento di liquami zootecnici. Le misure emergenziali saranno prorogate se i livelli si manterranno superiori alla soglia. Per ulteriori informazioni è possibile consultare il portale www.comune.forli.fc.it.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Meteo

La situazione di stallo meteorologico proseguirà almeno fino a sabato. Domenica, rende noto il servizio meteorologico dell'Arpae, "Il rapido transito di un'onda depressionaria, causerà un veloce peggioramento con piogge e locali rovesci, accompagnati anche da venti temporaneamente forti di Bora, in particolare sul settore costiero e sul mare nella serata notte. Successivamente il nuovo aumento del campo di pressione riportera' condizioni di tempo stabile. Le temperature saranno stazionarie nei valori massimi ed in lieve flessione nei minimi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il bollettino più nero per Forlì: tre morti. Deceduto anche un ragazzo di 26 anni, attivo negli Scout

  • Il coronavirus si è portato via il direttore di Romagna Acque Andrea Gambi

  • Coronavirus, si aggrava il bilancio delle vittime: tre morti nelle ultime 24 ore

  • Aziende, il premier firma il decreto: ecco le attività che possono restare aperte

  • Esplosione di contagi alla casa di riposo di Rocca San Casciano: 16 positivi, scatta l'isolamento

  • Balzo degli infetti nel Forlivese: +36 in 24 ore. In Rianimazione ci sono 11 positivi al virus

Torna su
ForlìToday è in caricamento