menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sono 72 gli evasori fiscali stanati della Fiamme Gialle nel 2011

Sono stati eseguiti complessivamente 196 verifiche e 550 controlli fiscali, che hanno consentito di individuare redditi sottratti all'imposizione per circa 96 milioni di euro ed un'Iva evasa pari ad oltre 33 milioni di euro

Sono 72 gli evasori fiscali denunciati dalla Guardia di Finanza di Forlì-Cesena nel 2011. Le Fiamme Gialle si sono concentrate anche nel contrasto dell’evasione internazionale, proseguendo e rafforzando le attività di controllo nei confronti di individui che hanno occultamente trasferito capitali all’estero. Nel mririno anche residenze fittizie o in Paesi con agevolazioni fiscali e anziende che hanno rapporti commerciali con società controllate o collegate in centri off-shore.



TUTELA DELLE ENTRATE  - Sono stati eseguiti complessivamente 196 verifiche e 550 controlli fiscali, che hanno consentito di individuare redditi sottratti all’imposizione per circa 96 milioni di euro ed un’Iva evasa pari ad oltre 33 milioni di euro. In relazione ai reati fiscali (dichiarazione fraudolenta, infedele, omessa dichiarazione, emissione di fatture per operazioni inesistenti, omesso versamento di ritenute, omesso versamento IVA), sono state denunciate 72 persone. Sono state avanzate, inoltre, proposte di sequestro “per equivalente” per 3 milioni di euro.

La lotta al sommerso registra un bilancio di 24 evasori totali e 17 evasori paratotali che hanno occultato al Fisco complessivamente ricavi e compensi per un totale di oltre 75 milioni di euro ed I.V.A. per 13,6 milioni di euro. Sono stati individuati 38 lavoratori in nero e 12 irregolari, anche attraverso l’impiego sistematico dei cosiddetti interventi “a massa” pianificati mensilmente nell’ambito dell’intera circoscrizione provinciale.
Sul fronte dell’evasione fiscale internazionale va sottolineata l’efficace collaborazione intercorsa tra il Comando Generale del Corpo e le corrispondenti autorità estere.

SUPER AUTO NEL MIRINO - L’attività investigativa posta in essere ha consentito di accertare, nel complesso, violazioni per  un milione 800 mila euro ai fini delle imposte sui redditi. Per ciò che attiene al controllo economico del territorio effettuato dai reparti dipendenti, sono state controllate 355 autovetture di grossa cilindrata. I controlli della specie sono finalizzati alla successiva analisi della posizione fiscale degli intestatari dei mezzi (società o persone fisiche) al fine di addivenire, una volta sviluppati ed incrociati i dati acquisiti, ad una eventuale verifica da parte del Corpo ovvero accertamento sintetico dell’Agenzia dell’Entrate.

CONTROLLI STRUMENTALI - Nel corso dei 3.919 controlli strumentali (scontrini e ricevute fiscali) sono state rilevate 926 violazioni, di cui 923 per omesso rilascio, pari al 23,55% degli interventi. In 40 casi è stata proposta all’Agenzia delle Entrate la sospensione (da 3 a 30 giorni) della licenza a carico di esercenti per i quali sono state riscontrate, in 5 anni, almeno quattro mancate emissioni dei documenti fiscali. La maggiore incidenza delle irregolarità viene registrata a Cesenatico durante l’estate con punte del 50%.  

TUTELA DELLA SPESA PUBBLICA - Oltre alle entrate particolare attenzione è stata dedicata alla tutela delle uscite pubbliche. Sul fronte degli aiuti comunitari, è stata denunciata una persona a piede libero e rilevata l’indebita percezione di finanziamenti europei e regionali per oltre 87 mila euro.  Inoltre, grazie anche ai protocolli d’intesa stipulati con alcuni Comuni (da ultimo, con i Comuni di Cesena e Cesenatico), sono stati eseguiti 112 controlli sulle cosiddette prestazioni sociali agevolate ed esenzioni al Servizio Sanitario Nazionale, che hanno consentito di denunciare all’Autorità Giudiziaria 94 persone e constatare indebite percezioni per oltre 47 mila euro per le prestazioni sociali indebitamente percepite.

TUTELA DEL MERCATO DEI CAPITALI - Nell’ambito dei compiti di polizia economico – finanziaria emerge l’attività posta in essere per la tutela del risparmio e dei mezzi di pagamento, nonché per il regolare svolgimento delle transazioni. Nel particolare settore sono stati effettuati 176 interventi che hanno consentito di denunciare 29 persone e sequestrare oltre 590 mila euro tra titoli e valuta.

TRASFERIMENTI CAPITALI - Intensa l’attività di monitoraggio sulla circolazione transfrontaliera dei capitali, nei confronti dei passeggeri in arrivo ed in partenza dagli spazi doganali dell'aeroporto Ridolfi, dove sono stati verbalizzati 69 soggetti per aver trasportato denaro contante senza la prevista dichiarazione valutaria.  Sono state sviluppate 43 segnalazioni per operazioni sospette. Nel settore dell’usura, sono stati denunciate 16 persone.

TUTELA DEL MERCATO DEI BENI E DEI SERVIZI - Nell’anno appena concluso sono stati sequestrati circa 8 mila prodotti contraffatti o privi dei requisiti di sicurezza di vario tipo (soprattutto articoli di abbigliamento, pelletteria e accessori vari, giocattoli, cartoleria, eccetera). Recentemente è stato effettuato un sequestro di profumi e cosmetici nel Forlivese. Sono stati, inoltre, effettuati 52 interventi nel settore giochi – lotto e lotterie per verificare la presenza di slot machine e videopoker illegali, nonché sequestrati 2 apparecchi irregolari per il gioco online in sale scommesse, collegati a siti non autorizzati per giocare d’azzardo.

NUMERO DI PUBBLICA UTILITA’ 117 - Il "117" è un numero gratuito di pubblica utilità, operante 24 ore su 24, realizzato con lo scopo di instaurare un rapporto diretto tra la Guardia di Finanza e i cittadini.  La Guardia di Finanza, nel corso del 2011, ha predisposto 1.460 pattuglie, che hanno operato ventiquattro ore al giorno su tutto il territorio della Provincia, sotto la direzione della Sala Operativa, la quale funge da vera e proprie centrali di coordinamento del servizio. Alla sala operativa, sono pervenute 534 chiamate (469 nel 2010 + 13%), di cui 198 di interesse operativo, cioè suscettibili di approfondimenti. In particolare, si è notato un aumento delle chiamate nell’ultima parte dell’anno anche a seguito di una maggiore sensibilizzazione dei cittadini sui temi dell’evasione ampiamente trattata dagli organi di informazione anche a livello locale.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Forlì è al centro del Nonprofit: il 23 aprile si terrà l'open day

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento