rotate-mobile
Giovedì, 11 Agosto 2022
Cronaca Centro Storico / Corso della Repubblica

Spaccata e razzia al negozio Wind, ladro in manette nel chiostro di San Mercuriale

E’ stato catturato con ancora sotto braccio una scatolone pieno di smartphone di ultima generazione, per un valore totale di circa 15mila euro. Si nascondeva dietro un alberello del chiostro di San Mercuriale

E’ stato catturato con ancora sotto braccio una scatolone pieno di smartphone di ultima generazione, per un valore totale di circa 15mila euro. Si nascondeva dietro un alberello del chiostro di San Mercuriale, accortosi di avere la polizia alle calcagna. Alla fine un rumeno di 26 anni, responsabile della spaccata al negozio Wind di corso della Repubblica avvenuta nella notte tra mercoledì e giovedì, è stato arrestato in flagranza di reato.

Il tutto è avvenuto intorno alle 2 di notte. Una prima chiamata al 113 segnala il fragore di una vetrina distrutta, mentre una seconda chiamata indica un uomo in fuga con uno scatolone in corso della Repubblica in direzione piazza Saffi. La collaborazione dei cittadini è stata fondamentale: proprio la seconda persona che ha chiamato ha indicato il percorso di fuga: via Cignani, quindi le strade laterali al tribunale e piazza XX Settembre. Nel frattempo è sopraggiunta la Volante della Polizia, che si trovava in zona Porta San Pietro.

Gli agenti si sono messi subito alla ricerca del ladro, scovandolo nascosto sotto un piccolo albero che si trova nel cortile del chiostro di San Mercuriale. E’ stato preso e arrestato. Si tratta di un rumeno di 26 anni, “specialista”, visti i suoi precedenti, nei furti ai danni dei negozi di telefonini. E’ finito arrestato anche a Caserta, Teramo e Modena, scontando alcuni mesi in carcere.

I telefoni sono stati restituiti al negozio, nei cui pressi sono state trovati anche gli “strumenti del mestiere”, una mazzetta di 90 centimetri, per sfondare la vetrina del negozio Wind, e una mazzetta più piccola, di circa 50 centimetri, per spaccare le teche all’interno del negozio. In totale il valore della refurtiva ammonta a circa 15mila euro e 5mila euro i danni arrecati ai vetri.

Una volta infranti i vetri, nonostante l’allarme che suonava, è andato dritto nel retrobottega, puntando ad uno scatolone pieno di nuovi arrivi di cellulari. E’ probabile quindi che avesse “studiato” la preda con sopralluoghi prima del furto. Dopo l'arresto il 26enne è stato processato per direttissima e condannato, con rito abbreviato, a due anni di carcere. Quindi è stato portato alla Rocca.

arresto ladro spaccata wind corso repubblica 2-2

arresto ladro spaccata wind corso repubblica 3-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spaccata e razzia al negozio Wind, ladro in manette nel chiostro di San Mercuriale

ForlìToday è in caricamento