menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

In casa il kit completo dello spacciatore: arrestato un 24enne di Santa Sofia

I Carabinieri del Reparto Operativo-Nucleo Investigativo di Forlì hanno tratto in arresto un giovane ventiquattrenne di Santa Sofia per produzione e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente

I Carabinieri del  Reparto Operativo-Nucleo Investigativo di Forlì, al termine di un’attività di indagine relativa alle sostanze stupefacenti, in collaborazione con quelli della Compagnia di Meldola e del Nucleo cinofili di Bologna, hanno tratto in arresto un giovane ventiquattrenne per produzione e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, prevalentemente di marijuana. Il blitz è scattato nella prima mattinata a Santa Sofia dove il giovane, originario di Forlimpopoli, abitava in una casa isolata dei dintorni.

Nel corso della perquisizione domiciliare, in una delle stanze, i militari dell’Arma hanno trovato una vera e propria serra che, benché costruita in modo artigianale, conteneva due piante adulte, della lunghezza di una trentina di centimetri. La serra era comunque predisposta con una lampada al sodio pressurizzato, ideale per mantenere una luce e una temperatura costante, un ventilatore, un termostato, e tutto ciò che appariva necessario per permettere una crescita veloce e rigogliosa della cannabis sequestrata.

Nel corso delle attività di perquisizione i Carabinieri hanno rinvenuto inoltre trentadue grammi di marijuana essiccata e pronta per il confezionamento in dosi e per la successiva vendita, e un blocco di dodici grammi di hashish, anch’esso pronto per essere suddiviso e venduto. Le attività di ricerca sono continuate per tutta la mattinata, e in un terreno poco distante dall’abitazione del giovane, e nella sua diretta disponibilità, i militari hanno individuato un’altra piccola piantagione di marijuana, comprendente dieci piccole piante già trapiantate in vaso, dell’altezza di una decina di centimetri. Tutti gli oggetti rinvenuti sono stati sequestrati, in attesa degli opportuni accertamenti tecnici, mentre il giovane è stato messo agli arresti domiciliari in attesa di essere sottoposto a processo per direttissima svoltosi nella mattinata del 24 maggio. Il ragazzo è stato condannato alla pena di  un anno di reclusione, 4000 euro di multa e scarcerato con l’obbligo di firma presso la Stazione Carabinieri del luogo di residenza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta che sa di casa: le zucchine ripiene

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento