menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sparatoria a Castrocaro, convalidato l'arresto dell'aggressore

Il giudice per le udienze preliminari di Forlì ha convalidato mercoledì l'arresto dell'albanese di 30 anni finito in manette per aver ferito con un colpo d'arma di fuoco un italiano di 34 anni nel culmine di un litigio

Il gip di Forlì Giovanni Trerè ha convalidato mercoledì l’arresto dell’albanese di 30 anni finito in manette per aver ferito con un colpo d’arma di fuoco un italiano di 34 anni nel culmine di un litigio scoppiato domenica notte a Castrocaro. Alla luce dei fatti, i Carabinieri, che indagano sul caso (pm Antonio Vincenzo Bartolozzi), hanno richiesto i capi d’imputazione di tentato omicidio aggravato dai futili motivi e detenzione illegale di porto d’armi da fuoco.

L'AGGRESSIONE - L’episodio è avvenuto in piazza Mazzini. Tutto sarebbe nato nel corso di un diverbio per motivi non meglio chiariti. Dalle parole grosse si è passati alla armi, in particolare da parte dello straniero, che si sarebbe allontanato per tornare con una pistola in pugno. Ne è seguito un parapiglia, con l'esplosione di un colpo e il ferimento del 34enne. Dell’arma, che gli investigatori ipotizzano un revolver forse calibro 38, nessuna traccia.

VESTITI SEQUESTRATI - Martedì i militari hanno setacciato la zona della discussione, lavorando con un'unità cinofila per individuare la pistola. Gli uomini dell’Arma hanno provveduto a sequestrare gli indumenti dello straniero, che aveva nascosto in casa prima di portarli in lavanderia. L'uomo è al fresco alla Rocca di Forlì. Sulle indagini vige il massimo riserbo da parte degli investigatori che contano di chiudere il cerchio di una vicenda che ha scosso la comunità di Castrocaro in poco tempo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento