menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Spionaggio industriale nella tecnologia per aerei, arrestato manager che operava a Forlì

Korshunov e Bianchi sarebbero accusati dalle autorità Usa di cospirazione nel furto di segreti industriali ai danni della GE Aviation, uno dei principali produttori mondiali di motori per aerei

Prestava la propria opera in Aernova, azienda forlivese che opera nell’ambito aeronautico, Maurizio Paolo Bianchi, 59 anni, ex dirigente di Avio spa,  che è stato arrestato a Marino, in Italia, nell'ambito dell'inchiesta per spionaggio industriale che vede coinvolto il russo Alexander Yuryevich Korshunov, 57 anni, arrestato lo scorso 30 agosto all'aeroporto di Napoli. L'arresto, avvenuto il 2 ottobre, è avvenuto su richiesta delle autorità statunitensi. A darne notizia è un’agenzia AdnKronos che cita il Dipartimento della Giustizia di Washington.

Sempre secondo le notizie diffuse, Korshunov e Bianchi sarebbero accusati dalle autorità Usa di cospirazione nel furto di segreti industriali ai danni della GE Aviation, uno dei principali produttori mondiali di motori per aerei, che ha il suo quartier generale in Ohio. Lo scorso 11 settembre un grand jury federale di Cincinnati ha incriminato Korshunov e Bianchi dei reati di cospirazione per commettere il furto di segreti industriali e tentato furto di segreti industriali. I dettagli dell'incriminazione sono stati resi noti venerdì . Secondo gli atti, Korshunov , che ieri si è visto respingere dai giudici dell'ottava sezione penale della Corte d'Appello di Napoli la richiesta di scarcerazione, era un dipendente di un'azienda di stato russa e in precedenza aveva avuto incarichi pubblici, tra i quali un incarico presso il ministero degli Esteri russo.

Sempre secondo quanto ricostruito dalle autorità statunitensi Bianchi è stato dirigente di Avio spa, azienda italiana del settore aerospaziale fino al 2012. Nel 2013 le attività di Avio spa sono state acquistate da GE Aviation, che le gestisce attraverso la Avio Aero, con sede a Torino. Dopo aver lasciato Avio spa, BIanchi ha iniziato a lavorare per la Aernova di Forlì. Korshunov era impiegato presso la United Engine Corp (Uec), della quale faceva parte la succursale Aviadvigatel, risultante aver una contratto con Aernova, nel periodo preso in esame dalle autorità Usa.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Troppo stress nel lavorare da casa: il burnout da smart working

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento