Sputa agli infermieri e mette a soqquadro il pronto soccorso: paziente psichiatrico denunciato

Il soggetto è stato poi ricoverato in psichiatria, e nei suoi confronti è scattata la denuncia per resistenza e oltraggio, oltre che per danneggiamento in danno di struttura pubblica

Movimentato episodio giovedì mattina al Pronto Soccorso dell’ospedale di Forlì. Sono intervenute le volanti dell’Ufficio Prevenzione Generale a causa di un paziente psichiatrico che aveva dato in escandescenza. L’uomo, un 41enne forlivese, era stato trasportato in ospedale con una ambulanza, che a sua richiesta lo aveva prelevato dal domicilio. Pochi minuti dopo il suo arrivo l'uomo ha aggredito senza motivo gli infermieri e mettendo a soqquadro il triage, distruggendo in parte gli arredi e i macchinari informatici, sputando nei confronti degli operatori sanitari e inveendo con frasi minacciose e ingiuriose.

All’arrivo della Polizia era stato già bloccato dal personale sanitario, che aveva provveduto a sedarlo. Gli agenti hanno identificato tre addetti che, a diverso titolo, hanno riportato abrasioni a causa del comportamento aggressivo del soggetto o che hanno ricevuto gli sputi. Fortunatamente le dotazioni di protezione hanno impedito che il liquido salivare li colpisse direttamente. Il soggetto è stato poi ricoverato in psichiatria, e nei suoi confronti è scattata la denuncia per resistenza e oltraggio, oltre che per danneggiamento in danno di struttura pubblica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Attaccato dai cinghiali che aveva "adottato": il 65enne non ce l'ha fatta

  • Sciagura in viale dell'Appennino: pedone muore travolto sulle strisce pedonali

  • Muoiono in un incidente aereo quattro giorni dopo le nozze, lutto per un ex assessore

  • L'annuncio di Bonaccini: "L'Emilia-Romagna torna "zona gialla" da domenica"

  • Meteo, dicembre debutterà col freddo e la neve: fiocchi in arrivo a bassa quota

Torna su
ForlìToday è in caricamento