menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I "cartellini gialli" del Questore: stop all'uomo che insultava l'ex col megafono e a quello che finge lo stalking dell'amante

Nel corso del 2019 sono stati 4 i provvedimenti di ammonimento del questore di Forlì-Cesena, un particolare provvedimento di prevenzione nei casi di stalking e molestie

Nel corso del 2019 sono stati 4 i provvedimenti di ammonimento del questore di Forlì-Cesena, un particolare provvedimento di prevenzione che il massimo responsabile della Polizia in provincia può prendere nei casi di stalking e persecuzioni. “Sono pochi gli ammonimenti, a fronte di 34 richieste formali, in quanto in molti altri casi si è riusciti a raggiungere una composizione bonaria”, spiega il questore Lucio Aprile. Nella gran parte dei casi si tratta di uomini che iniziano a perseguitare ex compagne con cui c'è stata la rottura del rapporto amoroso, con atti come telefonate, messaggi, pedinamenti o presentandosi assiduamente nei luoghi frequentati dalla ex. Un “cartellino giallo” della Questura, se così si può definire, che in molti casi riporta gli uomini più molesti a più miti consigli.

I casi più singolari trattati nel 2019 sono stati illustrati nel corso della presentazione di Marinella Caruocciolo, new entry in Questura. La dirigente appena giunta in città da Reggio Emilia andrà a dirigere la Divisione Anticrimine. E' proprio questo ufficio che si occupa di gestire e istruire le pratiche per gli ammonimenti, assieme ad altre tutele nei confronti di donne e minori. 

E a quanto pare, quando la coppia scoppia ne succedono di tutti i colori. Come è avvenuto per il caso di un 40enne impiegato a Forlì che ha ricevuto l'ammonimento per aver vessato la sua ex fidanzata di poco più giovane,  con telefonate messaggi, ma soprattutto denigrandola in suo assenza con amici comuni o all'interno del bar. Proprio nel bar il 40enne una volta si è presentato con un megafono perché i suoi commenti sessuali denigratori fossero uditi da una platea più ampia di persone. E' stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso e partire il richiamo scritto firmato dal Questore.

Un altro uomo ha subito lo stesso provvedimento quando si è rifatto vivo con insistenza eccessiva e per un anno e mezzo ha “tampinato” l'ex moglie, dopo ben vent'anni dalla fine della loro relazione. A farne le spese anche l'attuale compagno della donna, anch'egli vittima degli atti persecutori dello stesso soggetto. Non ha invece ottenuto l'emissione del provvedimento della Questura un altro uomo che lo aveva invocato nei confronti di una donna. Sospettato dalla moglie di tradimento, è emerso che avrebbe voluto crearsi una giustificazione per l'attenzione di un'altra donna, una sorta di alibi, ma è bastato poi l'esame dei messaggi amorosi per constatare che non c'era alcuna persecuzione, ma che anzi era un rapporto ricambiato dall'uomo con colei che era semplicemente la sua amante.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Scroccadenti romagnoli, uno tira l'altro: la ricetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento