menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, Bonaccini: "Se non ridurremo i contatti e i contagi il sistema sanitario non reggerà"

Così il presidente della Regione Stefano Bonaccini, specificando che "nella nostra regione ci siamo attrezzati per accrescere considerevolmente la nostra capacità di risposta e accoglienza negli ospedali"

"Abbiamo davanti i giorni più complicati: da un lato i numeri dei contagiati e dei ricoveri continua ad aumentare, in Emilia Romagna come nel Paese. Dall'altro la rete ospedaliera e sanitaria è sotto forte stress". Così il presidente della Regione Stefano Bonaccini, specificando che "nella nostra regione ci siamo attrezzati per accrescere considerevolmente la nostra capacità di risposta e accoglienza negli ospedali. Le misure restrittive introdotte dal Governo e il comportamento responsabile dei cittadini sono la cosa che può fare la differenza: se ridurremo drasticamente i contatti e i contagi, potremmo avere nelle prossime settimane un calo e l'onda di piena potrà scendere. Viceversa, il sistema non reggerà".

"Possiamo farcela, dipende da ogni cittadino - ribadisce il governatore -. Ai medici, agli infermieri e al personale tecnico non possiamo chiedere più di così. Dobbiamo ascoltare le loro indicazioni e comportarci di conseguenza. Al Governo chiediamo risposte rapide, a partire dalle forniture: ancora i dispositivi di protezione individuale sono un enorme problema. Bisogna accelerare nella produzione interna e aprire subito i canali internazionali perché le forniture già disponibili arrivino immediatamente". 

Bonaccini giudica positivamente "le prime risposte sul piano economico del decreto in arrivo. Ma la priorità è bloccare il contagio e non far saltare la rete sanitaria". Quindi un invito alla politica "a mettere da parte divisioni e polemiche. Mai come ora è indispensabile lavorare assieme per vincere questa sfida drammatica".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento