rotate-mobile
Venerdì, 19 Agosto 2022
Cronaca

Morì durante una scorta, una strada ed una borsa di studio per Pierluigi Giovagnoli

Martedì in Consiglio Comunale verrà discussa la mozione per intitolare una via o una piazza di Forlì ed istituire una borsa di studio sui temi della sicurezza stradale per le classi delle medie inferiori e superiori in memoria di Pierluigi Giovagnoli

Martedì in Consiglio Comunale verrà discussa la mozione per intitolare una via o una piazza di Forlì ed istituire una borsa di studio sui temi della sicurezza stradale per le classi delle medie inferiori e superiori in memoria di Pierluigi Giovagnoli, sovrintendente della polizia di Stato deceduto il 24 maggio 2003 nel corso di una scorta di sicurezza ad una gara ciclistica; prestava servizio alla sezione polizia stradale di Forlì. 

Lo ricorda il consigliere comunale di Noi con Drei, Mario Peruzzini: “Nel 2003 quando in Italia i decessi su strada erano più del doppio di quelli odierni (7.069 del 2001 e 6.980 nel 2002) il Siulp (Sindacato Italiano Unitario Lavoratori Polizia), da tempo impegnato su tali temi, organizzava un convegno “…per una Via Sicura”. Tra i delegati impegnati nell’organizzare l’evento, anche Pierluigi Giovagnoli. In quei giorni Pierluigi aveva svolto servizi di scorta al “Giro delle pesche nettarine“ e rinunciò anche al permesso già autorizzato per non gravare su altri colleghi e lasciò la sala verso le 12.  Mancava qualche decina di chilometri all’arrivo quando a Casalfiumanese la prima moto intercettava un furgone sfuggito ai controlli che viaggiava in senso contrario; questi, dopo essersi fermato, riprendeva la marcia invadendo la corsia opposta scontrandosi contro la moto di Pierluigi che precedeva di qualche decina di metri il gruppo di corridori, che sopraggiungeva a velocità sostenuta in vista della volata finale. 
Non si trattò di un incidente qualsiasi. Il conducente dell’automezzo aveva un tasso di alcolemia pari a 3,3.  Pierluigi doveva evitare l’impatto con le decine e decine di giovanissimi atleti che, dietro di lui, correvano veloci a testa bassa in quella strada in leggera discesa. Forse ha sperato che la sua moto, la sua divisa, i suoi gesti inducessero il conducente a fermarsi. Così non è stato.  Oltre ogni ragionevole dubbio, egli ha impedito quella folle marcia, fino all’ultimo.  Non sapremo quanti ragazzi potevano essere travolti e quante vittime sarebbero rimaste sulla strada”. 

“Oggi come allora – continua Peruzzini -, il sacrificio di Pierluigi ha un senso civico e morale altissimo, quello di aver dato la propria vita per gli altri, un esempio che non può essere dimenticato e lasciato nella casistica degli incidenti stradali, seppure in servizio. Non è stato il solito incidente.  Importante far riflettere e coinvolgere i giovani delle scuole medie, inferiori e superiori, con un concorso per le varie classi, magari premiando i vincitori magari con la fornitura gratuita dei testi scolastici. Parlare di sicurezza stradale è necessario, ogni anno ci sono ancora oltre 3.000 buoni motivi per farlo.  Nella Polizia Stradale lo conoscevano tutti; Pierluigi Giovagnoli aveva 46 anni e viveva nel quartiere Cava con sua moglie Patrizia Pivaccari ed i suoi tre figli, Chiara, Francesco e Mariapia (23, 10 e 5 anni). Infine, un particolare ringraziamento ai consiglieri, di ogni compagine politica, che hanno sottoscritto la mozione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morì durante una scorta, una strada ed una borsa di studio per Pierluigi Giovagnoli

ForlìToday è in caricamento