Strage di via D'Amelio, il sindaco Zattini ricorda Paolo Borsellino e le vittime dell'attentato

Il primo cittadino e l'assessore alla Legalità Baroni hanno reso onore a tutti i Caduti nella lotta contro le mafie portando fiori in Piazza Falcone e Borsellino

Domenica ricorre l'anniversario della strage avvenuta nel 1992 a Palermo, in via D'Amelio, nella quale persero la vita il magistrato Paolo Borsellino e cinque agenti della scorta. In rappresentanza della Città di Forlì, il sindaco Gian Luca Zattini e l'assessore alla Legalità Maria Pia Baroni hanno reso onore sabato mattina alle vittime dell'attentato e a tutti i Caduti nella lotta contro le mafie portando una composizione floreale in Piazza Falcone e Borsellino. L'atto simbolico è una tappa del percorso della memoria dedicato alla Legalità che è stato osservato anche durante il periodo della quarantena a partire dal 9 maggio, “Giorno della Memoria delle Vittime del terrorismo e delle stragi”, in corrispondenza della data in cui, nel 1978, furono uccisi Aldo Moro e Peppino Impastato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In questo periodo - nel quale è stata lanciata la nuova edizione della rassegna “Coltiviamo la Legalità” aperta ad associazioni e gruppi per organizzare eventi in modalità conforme alle norme che regolano distanziamento e sicurezza (l’informazione è pubblicata sul sito www.comune.forli.fc.it) - un particolare momento di testimonianza e riflessione, alla presenza dei massimi livelli forlivesi della Magistratura, è stato il 23 maggio, anniversario dell'assassinio del magistrato antimafia Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo e di tre agenti della scorta. In quell’occasione il riconoscimento civico e istituzionale a chi ha sacrificato la propria vita per difendere i valori della Costituzione e nel combattere la mafia è avvenuto al cospetto delle due piante di ginkgo biloba che i forlivesi misero a dimora nel 1993, l’anno dopo le stragi, e che portano i nomi di Giovanni Falcone e  Paolo Borsellino, a testimonianza della gratitudine, della stima e dell'attenzione dell’intera comunità cittadina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Dea Bendata non abbandona Corso Garibaldi: nuovo colpo al Lotto con un terno

  • La Bidentina si macchia di sangue: schianto contro un albero, perde la vita sotto gli occhi della fidanzata

  • Morto sulla Bidentina, Andrea superò un grave incidente. La sua esperienza per un progetto per giovani

  • Coronavirus, ci sono i primi due studenti positivi: nessuna chiusura di classi e scuole

  • Coronavirus, il bollettino domenicale: nuovi contagiati riconducibili a focolai già noti

  • Commando armato assalta una villa: minuti di terrore per una famiglia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento