Striscione notturno di Gioventù Nazionale al cancello della scuola: "Si parli delle foibe"

I militanti di Gioventù Nazionale Forlì Cesena hanno esposto lo striscione "Prof! Parlaci di Norma Cossetto" in due scuole della provincia di Forlì-Cesena

I militanti di Gioventù Nazionale Forlì Cesena hanno esposto lo striscione "Prof! Parlaci di Norma Cossetto" in due scuole della provincia di Forlì-Cesena, l’Istituto Tecnico per Geometri Saffi-Alberti a Forlì e il Liceo “Vincenzo Monti” di Cesena. "Contro ogni forma di revisionismo storico – afferma Alessandro Vitali, portavoce di Gioventù Nazionale Forlì-Cesena – abbiamo deciso di apporre fuori dalle scuole lo striscione “Prof! Parlaci di Norma Cossetto", per sensibilizzare studenti e docenti sul dramma di questa giovane donna e per rinnovare la memoria delle vittime delle foibe, dell’esodo giuliano-dalmata e delle vicende del confine orientale”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Norma Cossetto, nata nel maggio del 1920 a Visinada, in Istria, fu arrestata da un commando partigiano italiano e jugoslavo a seguito dell’armistizio dell’8 settembre 1943, dopo essersi rifiutata di aderire al movimento partigiano. Tradotta nella scuola di Antignana, adattata a carcere, Norma fu vittima di ripetute sevizie e stupri da parte dei suoi carcerieri. La notte tra il 4 e il 5 Ottobre, la ragazza fu portata insieme agli altri prigionieri in una foiba nelle vicinanze, e dopo l’ennesima violenza sessuale, fu infoibata ancora viva. “Una morte tragica e brutale – prosegue Vitali – che merita di essere raccontata e approfondita, soprattutto nelle scuole. Gli studenti devono essere messi a conoscenza di un periodo cupo della storia italiana, ovvero la sanguinosa occupazione jugoslava dell’Istria e della Venezia Giulia. La storia di Norma è la storia di una ragazza che pagò con la propria vita il prezzo di non aver rinnegato la patria, la famiglia e sè stessa. Riteniamo opportuno e doveroso – conclude – che la storia di Norma Cossetto abbia lo spazio che merita nei libri di scuola, una necessaria battaglia di libertà al di sopra di qualsiasi ideologia”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tabaccheria ancora baciata dalla fortuna, nuovo terno al Lotto: "Forse una data di nascita"

  • Coronavirus, ecco il nuovo dpcm punto per punto: ristoranti chiusi alle 18. Stop per palestre, cinema e teatri

  • Da Forlì parte la ribellione delle palestre: "Se imporranno la chiusura, non chiuderemo"

  • Coronavirus, due insegnanti e tre studenti infettati: classe dell'asilo in quarantena

  • Meldola in lutto per la scomparsa di Stefanino, il sindaco: "Una figura speciale per tutti"

  • Non paga i debiti della propria azienda: l’imprenditore creditore assolda i killer per ucciderlo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento