Striscioni contro il nuovo decreto appesi in città: "No al coprifuoco"

I militanti di Gioventù Nazionale Forlì-Cesena hanno esposto lo striscione "Ore 22:00 Chiude l’Italia, Comincia la paura" nelle città di Forlì e Cesena

I militanti di Gioventù Nazionale Forlì-Cesena hanno esposto lo striscione "Ore 22:00 Chiude l’Italia, Comincia la paura" nelle città di Forlì e Cesena. "Alla luce dei nuovi decreti legge che stanno per essere approvati - afferma Alessandro Vitali, portavoce di Gioventù Nazionale Forlì-Cesena – è doveroso prendere una posizione netta contro il tentativo del governo italiano di infondere terrore nella popolazione, veicolando il dannosissimo e sbagliatissimo messaggio di sfiducia e sospetto nei confronti del prossimo. La Nazione versa in condizioni di difficoltà dal primo lockdown del mese di marzo. A pagarne caramente le conseguenze sono state in particolar modo le attività commerciali, partite Iva e il settore turistico. La lenta ripresa che ha caratterizzato la nostra economia nell’ultimo periodo, nel rispetto di norme più che mai stringenti, viene posta in serio pericolo dalle nuove confuse disposizioni che il governo sta attuando".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La volontà di chiudere le attività come palestre e centri per il benessere della persona, forzare la chiusura di ristoranti e pub alle ore 22.00 – prosegue Vitali - è ingiustificata per i dati di diffusione del virus. Come ammesso il 22 aprile 2020 da Davide Baruffi, sottosegretario alla Presidenza della Regione Emilia Romagna, le misure adottate non sono strettamente necessarie alla salvaguardia della salute pubblica, bensì si vuole dare il senso di un regime molto stringente; un vero e proprio Regime Sanitario. Il governo ha avuto sei mesi per rimodernare gli ospedali, per potenziare il servizio di bus e treni e trovare spazi utili per le scuole; viene invece firmato un nuovo dpcm che blocca nuovamente le attività commerciali, il mondo del turismo, del divertimento e del tempo libero, creando nuovi problemi psicologici alle persone costrette a casa e nuovi problemi economici ad intere categorie ridotte al lastrico. Il risultato di queste politiche è l’instaurarsi di un clima di paura che non aiuta la ripresa economica e sociale di una Nazione in cui la paura di ammalarsi ha azzerato la capacità di ragionare".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tabaccheria ancora baciata dalla fortuna, nuovo terno al Lotto: "Forse una data di nascita"

  • Coronavirus, ecco il nuovo dpcm punto per punto: ristoranti chiusi alle 18. Stop per palestre, cinema e teatri

  • Forlì spiccherà il volo verso Spagna, Germania e Ungheria: ufficializzata la terza compagnia

  • Aeroporto, il Ridolfi torna sui radar di tutto il mondo: si parte con i voli commerciali

  • Coronavirus, contagi in aumento. Bonaccini non esclude una stretta sulle scuole

  • L'aeroporto di Forlì alla conquista del Mediterraneo: si allunga la lista delle compagnie

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento