Studente arrestato in Egitto, sit-in in Piazza Saffi: "Libertà per Patrick Zaki"

 Il Comitato Direttivo e l’attivo dei delegati della Filcams Cgil di Forlì, riunitosi venerdì, con un ordine del giorno ne chiede l’immediata liberazione di Patrick George Zaki e invita a sottoscrivere l’appello di Amnesty International

Anche la Cgil di Forlì si mobilita per Patrick George Zaki, lo studente universitario a Bologna arrestato l’8 febbraio scorso al suo rientro in Egitto per un periodo di vacanza. Il Comitato Direttivo e l’attivo dei delegati della Filcams Cgil di Forlì, riunitosi venerdì, con un ordine del giorno ne chiede l’immediata liberazione di Patrick George Zaki e invita a sottoscrivere l’appello di Amnesty International. Domenica mattina, alle 11, ci sarà un sit-in in Piazza Saffi "Libertà per Patrick Zaki". 

"A Zaki sarebbero state contestate le sue attività a favore dei diritti umani trasformandole in false denunce di "incitamento a protestare per minare l’autorità dello Stato" e sembra che durante gli interrogatori sia stato sottoposto a percosse e a torture - evidenzia il segretario generale della Filcams Cgil, Raffaele Batani -. Si chiede che gli interessi economici e politici esistenti tra Italia ed Egitto  non precludano una legittima richiesta di rispetto dei Diritti Umani Universali".

Sulla questione interviene anche il segretario generale del sindacato, Maria Giorgini: "A Zaki sarebbero state contestate le sue attività a favore dei diritti umani trasformandole in false denunce di “incitamento a protestare per minare l’autorità dello Stato”  e sembra che durante gli interrogatori sia  stato sottoposto a percosse e a torture. L’arresto arbitrario e la tortura di Patrick Zaki rappresentano un altro esempio della sistematica repressione dello stato egiziano nei confronti di coloro che sono considerati oppositori e difensori dei diritti umani, una repressione che raggiunge livelli sempre più allarmanti giorno dopo giorno".

Conclude Giorgini: "Chiediamo alle autorità egiziane il rilascio immediato e incondizionato di Patrick, in stato di fermo esclusivamente per il suo lavoro sui diritti umani e per le idee espresse sui social. È necessario che le autorità conducano un’indagine indipendente sulle torture che ha subito e che sia garantita la sua protezione in maniera tempestiva. Si chiede che gli interessi economici  e politici esistenti tra Italia ed Egitto  non precludano una legittima richiesta di rispetto dei Diritti Umani Universali. Per queste ragioni invitiamo  a sottoscrivere l’appello di Amnesty International per il rispetto dei diritti umani universali  e per la liberazione di Patrick".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Era dolce e solare": addio alla storica negoziante del centro, si è spenta a 49 anni

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, modalità di trasmissione e animali da compagnia

  • I suoi nudi artistici fanno il giro del mondo, ma lei ha scelto Forlì: "La Romagna mi ha adottata"

  • Rapinatore armato dal dentista: arraffa l'anestetico, chiede scusa e lascia pure il "pagamento"

  • Le rubano una bici elettrica, coppia finisce nel mirino della Polizia

  • Non si vedeva da alcuni giorni, trovata senza vita in casa: addio alla storica bidella

Torna su
ForlìToday è in caricamento