rotate-mobile
Scuola

All'Itaer "Baracca" c'è uno studente provetto: secondo posto in un concorso nazionale

Il risultato e' da considerarsi di primissimo valore in quanto Niccolo', a differenza del primo classificato, non e' in possesso di licenza di volo privato

Lo studente Niccolò Atzeni, frequentante la classe 4B dell’Istituto Tecnico Aeronautico “Baracca” di Forlì si è piazzato al secondo posto della “Gara Nazionale di Eccellenza degli Istituti Tecnici di Trasporti e Logistica, opzione Conduzione del Mezzo aereo”, che ha visto la partecipazione in presenza di 12 studenti provenienti da 12 scuole aeronautiche di tutta Italia. Il risultato e' da considerarsi di primissimo valore in quanto Niccolo', a differenza del primo classificato, non e' in possesso di licenza di volo privato e quindi partiva da una situazione di mancata esperienza operativa che ha saputo supplire con entusiasmo e tenacia, oltre che con le competenze acquisite negli anni di studio trascorsi al Baracca.

Accompagnato dal professor Rolando Brotto, docente di Scienze della Navigazione, e dalla Dirigente scolastica dell’Itaer, Maura Bernabei, Niccolo' e gli altri studenti partecipanti sono stati esaminati da una commissione di altissimo livello tecnico-professionale. Il senso della manifestazione è stato quello di valorizzare le eccellenze studentesche attraverso uno scambio di esperienze tra realtà socioculturali diverse e fornire un approccio diretto per un sistema integrato scuola – formazione, divulgando la consapevolezza e la conoscenza dei contenuti e dei valori dei settori dell’istruzione tecnica, coinvolgendo, nel contempo, tutte le componenti istituzionali e imprenditoriali di settore.

La dirigente scolastica Bernabei si dichiara entusiasta del risultato, in quanto “mette in mostra, oltre alle capacità assolute di Niccolò, le grandi competenze e capacità del gruppo di docenti di Scienze della Navigazione. La preparazione all’evento ha coinvolto i docenti in un corso dedicato di 20 ore. Sono convinta che la valorizzazione delle eccellenze sia la strada maestra per motivare i nostri studenti, soprattutto in un periodo così confuso e difficile come quello attuale”

La prove, strutturate in due giorni, hanno inizialmente riguardato la pianificazione di un volo Vfr (Visual Flight Rules) da Treviso a Trento, ovvero l’utilizzo di tutte quelle tecniche di pianificazione e quelle procedure cui un pilota deve attenersi per condurre in sicurezza un volo, utilizzando principalmente l’osservazione di opportuni punti di riporto senza affidarsi a radioassistenze per la navigazione. Il secondo giorno le ulteriori prove hanno teso a verificare la capacita' di condurre realmente il volo pianificato precedentemente, mediante l'utilizzo di un simulatore virtuale di ultima generazione, proseguendo poi con le comunicazioni T/B/T in fonia sia italiana che inglese e finendo con un test di trenta quiz riguardanti le conoscenze nel settore aeronautico generale.

“E’ stata una esperienza fantastica - racconta Niccolò -. Ho fatto amicizia con tantissime persone con le quali mi sento ogni giorno. E’ stato bellissimo l’abbraccio con la preside alla premiazione, ed è stato un grande momento di crescita il percorso di preparazione al concorso nazionale con i professori dell’Itaer”. La Gara nazionale è stata realizzata sotto l’egida della Ricma (Rete Italiana degli istituti tecnici opzione Conduzione del Mezzo Aereo) a cui fanno capo tutti gli Istituti Tecnici di Trasporti e Logistica che hanno l’opzione Conduzione del Mezzo aereo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

All'Itaer "Baracca" c'è uno studente provetto: secondo posto in un concorso nazionale

ForlìToday è in caricamento