menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Su Rai3 il percorso aziendale riservato ai pazienti con tumore al polmone

Martedì, nell’ambito dei programmi dell’accesso trasmessi dalla redazione di Rai3 di Bologna fra le 10 e le 10.30, il dottor Davide Dell’Amore, illustrerà la risposta messa in campo dall’Azienda Usl di Forlì

Il percorso aziendale per pazienti con tumore al polmone spiegato su Rai3 regionale. Martedì, nell’ambito dei programmi dell’accesso trasmessi dalla redazione di Rai3 di Bologna fra le 10 e le 10.30, il dottor Davide Dell’Amore, direttore del Dipartimento Toracico e dell’U.O. di Chirurgia toracica dell’Ausl di Forlì, nonché presidente della Società italiana di Chirurgia Toracica, interverrà per illustrare la risposta messa in campo dall’Azienda Usl di Forlì contro questo tipo di patologia.

Tali spazi informativi autogestiti, in base a quanto disposto dal Corecom - organismo regionale che assomma le funzioni delegate dall’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (Agcom), e i compiti amministrativi per conto del Ministero delle Comunicazioni, in linea col regolamento approvato con delibera 15/02/2006 -, hanno proprio il compito di coinvolgere il più possibile i cittadini nel processo di comunicazione dei percorsi sanitari, per renderli maggiormente coscienti di essere titolari del diritto ad  essere informati sull’attività che la pubblica amministrazione pone in essere nell’esercizio delle sue attribuzioni.

Nell’intervista il dottor  Davide Dell’Amore riassumerà l’intero iter aziendale per i soggetti con tumore al polmone. «In prima battuta è il medico di medicina generale che, in base a sintomi riscontrati nei propri assistiti, in particolare fumatori e persone a rischio, può richiedere una radiografia toracica o una Tac – spiega – in questo modo, si ottengono sempre più spesso diagnosi tempestive di neoformazioni polmonari». Il paziente viene quindi preso in carico dall’Azienda, dov’è seguito da un gruppo multidisciplinare che calendarizza tutta una serie di procedure più o meno invasive le quali, di norma, porteranno ad una diagnosi di natura della neoformazione polmonare. «Una volta riscontrata una neoplasia – prosegue – se il paziente è operabile viene preso in carico dal chirurgo toracico, diversamente, nel caso in cui  il tumore sia troppo diffuso, si procede a una valutazione da parte dell’oncologo che lo sottoporrà alle opportune terapie».

Terminato l’iter terapeutico, lo stesso gruppo di professionisti rivede il soggetto e può o programmare un semplice follow-up oncologico oppure avviarlo ad un percorso di terapie adiuvanti o di semplice supporto, nel pieno rispetto delle linee guida internazionali. «Il medico di medicina generale, responsabile in prima persona del paziente, è puntualmente informato, attraverso relazioni scritte, di ogni decisione presa – precisa Dell’Amore – inoltre, il percorso comprende anche, qualora ce ne fosse bisogno, l’attivazione dell’assistenza domiciliare o il ricovero in Hospice per garantire la migliore qualità di vita al paziente ed ai familiari che lo accudiscono. La filosofia di fondo del percorso, in definitiva, è non abbandonare mai il paziente a se stesso, accompagnadolo anzi durante tutto il difficile cammino che questa terribile malattia impone».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Forlì è al centro del Nonprofit: il 23 aprile si terrà l'open day

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento