Nuovi tagli di alberi, Bartolini (PdL): "Non in centro, serve buon senso"

. Dopo l'annuncio che nuovi tagli saranno effettuati in corso Diaz, questa volta insorge Luca Bartolini, consigliere regionale del PdL, che invia un appello al prefetto di Forlì-Cesena Erminia Cesari perché fermi le motoseghe

E' un'estate tormentata per gli alberi sui viali e corsi cittadini, col Comune deciso ad un generale “disboscamento” (in attesa di nuove piantumazioni) e la politica che protesta con veemenza. Dopo l'annuncio che nuovi tagli saranno effettuati in corso Diaz, questa volta insorge Luca Bartolini, consigliere regionale del PdL, che invia un appello al prefetto di Forlì-Cesena Erminia Cesari perché fermi le motoseghe.

Dice Bartolini: “Come Consigliere Regionale, per ovvi motivi, non seguo solo le vicende della nostra Forlì e ricordo bene quando un anno fa il PD arrivò addirittura a scomodare il Prefetto per bloccare il taglio di qualche pianta (non di tutte) in Viale Torino a Cesenatico. Non è forse lo stesso PD che amministra (si fa per dire) la città di Forlì che anziché curare il proprio patrimonio con adeguate potature ha pensato bene, anzi male, di attivare le seghe e di abbattere tutte le piante di C.so Diaz, uno dei pochi viali ancora considerabili dignitosi del nostro centro storico grazie anche a queste belle piante che non mi risultano essere ammalate e non sono neppure dei pini marittimi tanto contestati un po’ da tutti”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E continua Bartolini: “Ho letto addirittura il WWF di Forlì criticare i Verdi sul tema dicendo che si dichiarano contrari solo per avere un po’ di visibilità o per fare della sterile demagogia politica per fini elettorali. Chi conosce la mia storia personale, che mi vede spesso come nemico giurato di alcune associazioni ambientaliste e animaliste, non credo possa credere che pure io intervenga per questi motivi. Mi sento invece di intervenire spinto dalla ricerca di buon senso, appellandomi al Prefetto di Forlì-Cesena, come fece con successo il PD un anno fa a Cesenatico, perché fermi le motoseghe, ritenendo che se qualche pianta va tagliata questa è meglio tagliarla ai lati delle strade provinciali o statali dove arrecano rischi di morte per gli automobilisti anziché nel salotto buono della città dove peraltro mi dicono verranno ripiantati, tra qualche mese, dei miseri piccoli “peri” che è facile prevedere dequalificheranno irreparabilmente uno dei quattro Corsi della città”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Saette, tuoni e brusco calo delle temperature. E c'è una nuova allerta temporali

  • Centauro si schianta contro l'auto in svolta e viene sbalzato contro il guard-rail: è grave

  • Prima sfuriata temporalesca nel Forlivese, venti oltre i 70 km/h: crollano diversi alberi

  • Esce di strada e finisce con l'auto contro la recinzione di una casa: è grave

  • Saetta colpisce e incendia un'insegna pubblicitaria sulla Cervese

  • Attesi altri temporali, l'allerta meteo comunicata al telefono: "Ridurre gli spostamenti"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento