Tangenziale est, passo avanti: accordo con l'Anas sul tratto dell'ospedale

Arriva la convenzione con Regione e Anas per aggiornare i progetti del terzo lotto non più a norma. Passaggio indispensabile per inserire i lavori nel piano delle opere da realizzare

La Tangenziale di Forlì fa un deciso passo avanti verso il suo completamento. All’appello, per chiudere l’anello di strada, manca ancora il terzo lotto, ovvero il tratto che collega San Martino in Strada alla via Firenze e funge da collegamento veloce per l’ospedale Morgagni Pierantoni.

Il progetto è pronto da anni ma non è mai stato inserito nel piano delle opere di Anas, passaggio indispensabile per accedere ai 50 milioni di euro che servono per la sua realizzazione. Ora i progetti tecnici verranno aggiornati alle normative attuali attraverso una convenzione stipulata ad hoc tra Regione, Anas e Comune del valore di 60mila euro.

Ad annunciare la convenzione che consente questo passo in avanti è stato lo stesso presidente dell’Anas, Gianni Vittorio Armani, nel corso dell'apertura dell'ultimo tratto della Tangenziale Ovest di Ferrara. 
“Siamo arrivati a questo risultato attraverso un’azione forte con l'assessore regionale ai trasporti Raffaele Donini e il deputato Pd Marco Di Maio che si è impegnato molto sul fronte dell'Anas – dice l’assessore alle Opere pubbliche del Comune di Forlì, Francesca Gardini - . La Regione ha inserito il terzo lotto della Tangenziale nell'elenco delle opere prioritarie stilato per essere inviato a Roma e questo consente al progetto di ritornare all'ordine del giorno. Il piano del terzo lotto della Tangenziale aveva già dieci anni e non era più compatibile con le norme attuali. Serve un aggiornamento tecnico che sarà fatto dall’Anas e finanziato dalla Regione. Come Comune abbiamo chiesto all'Anas di inserire il terzo lotto della Tangenziale nel Piano pluriennale delle opere, se anche non fosse così in ogni caso, avendo i progetti aggiornati possiamo cogliere la prima occasione utile per ottenere il risultato. 

Una corsia preferenziale che si spera possa portare al completamento dell'opera in tempi celeri. Nel piano delle opere stilato dalla Regione è inserito, sebbene non con priorità, anche il collegamento veloce con Cesena, ovvero il progetto alternativo alla via Emilia Bis.

Potrebbe interessarti

  • Sembrano sani, ma non è vero: ecco svelati 7 alimenti da evitare per la dieta

  • Parcheggi gratuiti per future mamme e neogenitori: ecco tutte le informazioni per ottenere il pass

  • Le scale sono un dolore? Non più, grazie al montascale

I più letti della settimana

  • La vedova di Bovolenta rivela: "Ho ritrovato l’amore. La vita regala sorprese bellissime"

  • Investimento mortale sulla linea Adriatica: ritardi fino a 3 ore e nove treni cancellati

  • Rientro dalle ferie amaro: gli rubano l'armadietto blindato con le armi e viene anche denunciato

  • Trovata senza vita in casa, aveva dei lividi. Gli accertamenti escludono la morte violenta

  • Schianto alla rotonda della tangenziale di Bussecchio: due giovani feriti

  • Taccheggiatrici seriali all'iper, la mamma poteva contare sull'aiuto della figlioletta: stanate dalla Polizia

Torna su
ForlìToday è in caricamento