Sabato, 16 Ottobre 2021
Cronaca

San Giacomo, San Domenico e Palazzo Romagnoli: ecco le tariffe per le cerimonie. E nel 2022 ci si potrà sposare

Lo scorso luglio il consiglio comunale aveva dato il via libera al nuovo regolamento per la concessione delle sale comunali e degli spazi in dotazione al servizio cultura, turismo e legalità del Comune di Forlì

Nel 2022 ci si potrà sposare con rito civile all’interno della chiesa di San Giacomo, del refettorio del San Domenico o dell'oratorio di San Sebastiano. Lo scorso luglio il consiglio comunale aveva dato il via libera al nuovo regolamento per la concessione delle sale comunali e degli spazi in dotazione al servizio cultura, turismo e legalità del Comune di Forlì, approvato a larga maggioranza, che dà la possibilità a chiunque ne abbia i requisiti di organizzare convention, cene aziendali, congressi, cerimonie, corsi di formazione, feste e molte altre iniziative funzionali a rilanciare il patrimonio culturale della città e ad incrementare la ricettività dei suoi spazi, a condizione, naturalmente, che sia garantita la tutela del bene artistico.

Nella seduta del 22 settembre scorso, la giunta comunale ha approvato le tariffe per la concessione degli spazi a decorrere dal primo gennaio e quelle per i diritti di riproduzione di beni culturali, nonché di riprese video, cinematografiche o televisive nelle sedi museali e negli spazi in dotazione al Servizio Cultura, Turismo e Legalità, quest'ultime con decorrenza immediata. Due le tipologie di tariffe: quella giornaliera dalle 8.30 alle 24 e quella per mezza giornata, con utilizzo per un massimo di quattro ore dalle 8.30 alle 12.30, dalle 14 alle 18 e dalle 19 alle 23.

Nello specifico, per l'"uso non culturale", si potrà affittare per un giorno interno il San Giacomo (con una capienza massima di 496 posti a sedere) per uso "non culturale" a 1500 euro, a cui si aggiungono 500 euro per la disponibilità di posti auto riservati in area interna. La sola Sala 1 del San San Giacomo (lo spazio non è donato di apparecchiature tecniche), con un massimo di 356 posti a sedere, costa al giorno 1.200 euro, mentre la Sala 2, da 140 posti, 700 euro.

Sarà possibile affittare poi la Sala Rossa del San Domenico (con impianto di videoproiezione), da 35 posti, al prezzo di 200 euro per la giornata intera e 100 per mezza. Il Refettorio del San Domenico, da 90 posti, costa al giorno 600, mentre mezza giornata 300 euro (lo spazio non è donato di apparecchiature tecniche). E poi c'è anche il Chiostro del San Domenico, da 90 posti e non donato di apparecchiature tecniche, con tariffa giornaliera di 400 euro (200 euro mezza giornata).

Anche il Salone dell'Incontro di Palazzo Romagnoli da 60 posti, con impianto audio e di videoprotezione, potrà ospitare cerimonie al costo di 600 euro per una giornata interna (300 euro mezza giornata), così come la Sala Santa Caterina di via Romanello (90 posti) 300 e 150 euro. Le tariffe non comprendono il pagamento delle spese di allestimento, personale di custodia, pulizie, addetto alla gestione degli impianti di amplificazione e audiovisivo, se richiesto. Le riprese video avranno un costo da 300 a 5mila euro al giorno. Al tariffario seguirà un altro regolamento emanato dal settore Affari generali che fisserà il costo di un matrimonio nei luoghi di cultura della città.

Per quanto concerne gli "usi culturali", la tariffa giornaliera per il San Giacomo è di 600 euro, per la sola Sala 1 di 500 euro, mentre per la Sala 2 di 300 euro. Per la Sala Rossa del San Domenico il costo è compreso tra 50 e 100 euro, mentre per il Refettorio e Chiostro da 100 a 200 euro. Per il Salone dell'Incontro di Palazzo Romagnoli la tariffa oscilla tra 120 e 200 euro, mentre per la Sala Santa Caterina tra 75 e 150. Per l'Oratorio di San Sebastiano e Sala Albertini (piano terra) e la Sala di Piazzetta XC Pacifici la tariffa giornaliera è di 40 euro (dimezzata per associazioni e enti del terzo settore).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Giacomo, San Domenico e Palazzo Romagnoli: ecco le tariffe per le cerimonie. E nel 2022 ci si potrà sposare

ForlìToday è in caricamento