menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tassa rifiuti, il sindaco di Castrocaro incontra i cittadini

L’Amministrazione stessa vuole ribadire che l’attività di accertamento costituisce compito ordinario ed obbligatorio a tutela degli interessi del Comune e di tutta la collettività

Il Comune di Castrocaro ha rilevato che l’invio di 260 avvisi di accertamento relativamente alla tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani ad altrettanti contribuenti sta suscitando un certo malumore fra una parte della  popolazione.  Per tale motivo l’Amministrazione stessa vuole ribadire che l’attività di accertamento costituisce compito ordinario ed obbligatorio a tutela degli interessi del Comune e di tutta la collettività. Per questo motivo si svolgerà giovedì alle 20.45 un assemblea alla Sala del Consiglio Comunale.

“L'attività svolta” spiega il sindaco Francesca Metri “non ha ovviamente alcun intento punitivo ma è, ripeto, un’attività che rientra nel normale dovere d’ufficio.” Per quanto attiene al merito, l’Amministrazione fa rilevare in una nota “che gli accertamenti riguardano, per lo più, un disposto di legge (Legge 311/2004) che impone il pagamento della tassa su una superficie pari almeno all’80% della superficie catastale; si tenga conto che è stata presa in considerazione solamente detta percentuale minima stabilita dalla legge con applicazione delle sanzioni per mancato pagamento nei termini, in misura oltremodo ridotta: la sanzione, infatti, è applicata solo per un anno aumentata limitatamente ad un mezzo della stessa, indipendentemente dal numero effettivo delle annualità oggetto di accertamento, sulla base di recenti indirizzi più favorevoli per i contribuenti”.

L’Amministrazione comunale, prosegue la nota, “sa bene quale è la condizione generale dal punto di vista sociale ed economico e certamente non è mossa dall’intento di infliggere ulteriori sacrifici”. “Mi auguro che i più - conclude il Sindaco - sappiano cogliere in questa attività amministrativa, che in altri comuni ha trovato attuazione già nell’anno 2006, l’esigenza e l’obbligo di creare, per quanto compete al comune stesso, quelle condizioni di equità fiscale che costituiscono, in questo momento storico del paese, un obiettivo prioritario per tutti.”
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento