"Tendere la mano al povero è necessario per vivere la comunione autentica e fraterna"

Domenica, presso la parrocchia di Santa Maria del Fiore si è tenuta la santa Messa presieduta dal vicario generale diocesano mons. Gianpietro Fabbri, in occasione della IV Giornata Mondiale dei Poveri.

Chiesa di Santa Maria del Fiore gremita per la santa Messa presieduta da mons. Gianpietro Fabbri, in occasione della quarta Giornata Mondiale dei Poveri. Il vicario generale diocesano ha sostituito il vescovo Livio Corazza, in isolamento domiciliare dopo essersi incontrato nei giorni scorsi con il seminarista Francesco Agatensi, risultato positivo al Covid (in serata il presule ha comunicato l’esito negativo del tampone effettuato giovedì).

Alla celebrazione, che ha visto gli interventi del presidente diocesano di Ac Edoardo Russo, del direttore Caritas diocesana Filippo Monari e dell’assessore al welfare del Comune di Forlì, Rosaria Tassinari, erano presenti volontari Caritas, dell’Azione Cattolica e delle Associazioni Papa Giovanni XXIII e Mensa S. Francesco, oltre all’Ufficio Migrantes. “La scelta di dedicare attenzione ai poveri, ai loro tanti e diversi bisogni – scrive Papa Francesco nel documento dedicato alla giornata - non può essere condizionata dal tempo a disposizione o da interessi privati, né da progetti pastorali o sociali disincarnati. Tenere lo sguardo rivolto al povero è difficile, ma quanto mai necessario per imprimere alla nostra vita personale e sociale la giusta direzione".

"La Chiesa - precisa Filippo Monari - non può risolvere tutte le problematiche relative alle povertà, ma sente il dovere di portare, con la grazia di Cristo Signore, la sua testimonianza”. Monari ha invitato le comunità cristiane a mantenere alta l’attenzione e la solidarietà per i fratelli e le sorelle che sono nella povertà e nella fatica. Il celebrante mons. Fabbri, che nel corso della Messa è stato assistito dal parroco di Santa Maria del Fiore don Luigi Burchi, dai diaconi permanenti Filippo Monari e Daniele Zattini e dall’accolito Pietro Spada, con le parti corali affidate alla Compagnia “Quelli della Via”, ha incentrato l’omelia sul Vangelo della domenica dedicato alla parabola dei talenti, quanto mai opportuna in una giornata in cui si parla di carità e servizio: "Tendere la mano al povero è come trovare nell’altro quel talento di cui tutti noi abbiamo bisogno per vivere la comunione autentica e fraterna".

Al termine, l’assessore Tassinari ha ringraziato, con la consegna tangibile di un attestato, i volontari che, durante il lockdown di marzo e aprile, si sono spesi in prima persona, portando la spesa a domicilio degli anziani e delle famiglie impossibilitate a provvedere direttamente. La Caritas diocesana anche in questo periodo rimane a servizio del territorio, mantenendo aperti molti dei centri di ascolto parrocchiali, i servizi di prima accoglienza emergenziale, seconda accoglienza e accoglienza diffusa, attraverso le opere segno, insieme alla mensa serale del Buon Pastore e promuovendo la mensa a mezzogiorno di Santa Maria del Fiore, promossa dall’Associazione San Francesco.

Monari ha anche ricordato le oltre 500 famiglie in carico all’Emporio della solidarietà, che distribuisce alimenti sia in forma diretta, presso lo stesso Emporio, oltre a servire le Caritas parrocchiali e consegnare i pacchi a domicilio per le famiglie in quarantena che sono in situazioni di bisogno, insieme ad una rete in cui sono presenti lo Sportello Sociale del Comune di Forlì, la Protezione civile e la Croce Rossa. Il direttore Caritas ha inoltre ricordato la collaborazione con l’Azione Cattolica che promuove, in questo anno pastorale 2020-2021, il “Laboratorio dell’azione”, un percorso condiviso per formare e coinvolgere i giovani nel servizio della carità, collaborando nelle opere segno della Caritas diocesana e anche nel servizio di unità di strada per i senza fissa dimora dell’associazione Papa Giovanni XXIII.

Per info e per chi desiderasse impegnarsi nel servizio di volontariato della Caritas diocesana, si può scrivere a: segreteria@caritas-forli.it oppure a serviziogiovani@caritas-forli.it telefonicamente la mattina dalle 9 alle 12 al numero della Segreteria della Caritas diocesana: 0543 30299. Sul sito www.caritas-forli.it è inoltre reperibile un breve video con alcune testimonianze sui servizi resi alla comunità dalla stessa Caritas. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Attaccato dai cinghiali che aveva "adottato": il 65enne non ce l'ha fatta

  • Porta loro da mangiare, viene aggredito dai cinghiali che aveva "adottato": trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Meteo, dicembre debutterà col freddo e la neve: fiocchi in arrivo a bassa quota

  • Perde il controllo dell'auto e si ribalta: nuovo incidente sulla "Bidentina" - LE FOTO

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna allenta le restrizioni: centri commerciali chiusi nei weekend. Negozi riaperti la domenica

Torna su
ForlìToday è in caricamento