Giovedì, 18 Luglio 2024
Cronaca Tredozio

Terremoto del 18 settembre, il Consiglio dei ministri dichiara lo Stato di emergenza. Stanziati i primi 6 milioni di euro

Le risorse messe a disposizione ammontano a 6 milioni di euro

Il Consiglio dei Ministri ha approvato la delibera per dichiarare lo stato di emergenza dopo il terremoto del 18 settembre scorso di magnitudo 4,9 con epicentro nel comune di Marradi, seguito da uno sciame sismico (con 55 scosse rilevate) nei 2 giorni successivi. Il sisma ha interessato anche i comuni confinanti in particolare i comuni di Brisighella, Castrocaro Terme e Terra del Sole, Modigliana, Predappio, Rocca San Casciano e Tredozio, dove molti edifici pubblici e privati hanno riportato danni di una certa entità. Le risorse messe a disposizione ammontano a 6 milioni di euro.

“Una buona notizia per la Romagna, un aiuto concreto per questo territorio che negli ultimi tempi è stato messo duramente alla prova e ha dovuto affrontare emergenze pesantissime", commentano il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, e la vicepresidente con delega alla Protezione civile, Irene Priolo, alla notizia della deliberazione, da parte del Consiglio dei ministri - su proposta del ministro per la Protezione civile, Nello Musumeci - della dichiarazione dello stato di emergenza, per un periodo di 12 mesi.   “Questi fondi - hanno aggiunto Bonaccini e Priolo - ci consentiranno di intervenire subito dove c’è maggiore necessità, e potranno essere utilizzati dall’amministrazione comunale di Tredozio anche per il reperimento dei moduli per la scuola. Continuiamo nel nostro lavoro di squadra con tutte le istituzioni e gli enti territoriali, nella piena convinzione che solo così potremo ricostruire e superare nuove criticità”.

La sindaca Simona Vietina

"Esprimo grande soddisfazione per la deliberazione dello stato di emergenza da parte del Consiglio dei Ministri, per i danni subiti dal territorio di Tredozio a seguito del terremoto del 18 settembre", così Simona Vietina, sindaco del comune di Tredozio, in provincia di Forlì-Cesena. "Mi preme ringraziare il ministro Musumeci, che ha ascoltato le mie pressanti richieste comprendendo l'urgenza di dover operare nel più breve tempo possibile. Ringrazio inoltre il Vice Ministro On. Bignami, che ha svolto una preziosa funzione di raccordo con il territorio". Conclude Vietina "Le risorse ora disponibili consentiranno di dare subito corso alle somme urgenze. Auspico inoltre che presto potranno essere stanziati anche i fondi necessari alla ricostruzione, sia degli immobili pubblici che di quelli privati, non dimenticando che dimentichiamo di un territorio già profondamente segnato dall'alluvione del maggio scorso". 

L'intervento della parlamentare Alice Buonguerrieri

"L'accoglimento da parte del Governo Meloni della richiesta dello stato di emergenza per i territori romagnoli colpiti dal sisma di settembre, che ho seguito personalmente, è il miglior modo per rispondere alle farneticanti dichiarazioni del sindaco di Tredozio - afferma la parlamentare Alice Buonguerrieri (Fratelli d'Italia) -. Questo passaggio certifica come l'Esecutivo continui a lavorare incessantemente nell'interesse dei cittadini e come lo faccia in stretto raccordo con i parlamentari che portano le esigenze del territorio a Roma". "Il terremoto del 18 settembre ha provocato un'altra ferita al nostro territorio e sin da subito, in stretto raccordo con la Protezione Civile e il Governo, ci siamo attivati per monitorare la situazione, avere contezza dei danni e coordinare i primi interventi - prosegue Buonguerrieri - Oggi la dichiarazione dello stato di emergenza per un periodo di dodici mesi, con lo stanziamento dei primi 6 milioni di euro per le esigenze più immediate, è un passaggio fondamentale che permetterà di affrontare questa delicata fase e impostare la ricostruzione, dando sostegno ai cittadini e alle imprese di tutti i comuni colpiti".

"A Tredozio ci sono danni davvero rilevanti - aggiunge la parlamentare di FdI - così come a Rocca San Casciano, comune in cui va detto è stato più semplice fare riunioni ed incontri pubblici con i cittadini, per via della presenza di un sindaco che non ha ostilizzato i rapporti, diversamente dalla sindaca di Tredozio, Simona Vietina, che ha invece ha rotto i ponti con molti negli ultimi cinque anni, che quando nella scorsa legislatura era parlamentare non si è mai vista in alcun territorio della provincia dove è stata eletta e oggi si permette pure di criticare chi, tutti i giorni, è costantemente impegnato sul territorio come le cronache puntualmente riportano. Ma nonostante l'atteggiamento della sindaca i cittadini possono stare tranquilli, nessuno li lascerà soli come dimostra anche la presenza e l'impegno degli uomini di Governo, a partire dal viceministro Galeazzo Bignami. Noi dialoghiamo con tutti i sindaci, a prescindere dal colore politico, occorre però, come in ogni rapporto, reciproco rispetto e proficuo confronto - conclude Buonguerrieri - qualcuno dovrebbe farsi un profondo esame di coscienza prima di parlare".

L'intervento della deputata Rosaria Tassinari

“Ringrazio il governo ed in particolare il ministro Tajani per l’impegno profuso a favore dei cittadini colpiti dal terremoto il 18 settembre scorso, in particolare i comuni più colpiti, Tredozio e Rocca San Casciano - le parole della deputata Rosaria Tassinari -. La dichiarazione dello stato di emergenza approvata  in Consiglio dei ministri, accompagnata dai primi 6milioni di euro, è  la risposta che il nostro territorio, già messo a dura prova dall’alluvione nel maggio scorso, aspettava. Per quanto mi riguarda, avevo sollecitato la dichiarazione con intervento in aula alla Camera dei Deputati il 27 settembre 2023 e sono stata in costante contatto con il Capo della Protezione Civile Fabrizio Curcio e con i referenti del Ministro Tajani a Palazzo Chigi”.

Tassinari ha anche partecipato a Rocca San Casciano alla costituzione del Comitato per la ricostruzione degli sfollati. A questo proposito commenta: “Ringrazio Lorenzo Frassineti, presidente del Comitato per la ricostruzione post sisma e alluvione di Rocca San Casciano e tutti i componenti, per il forte impegno che stanno dedicando alla problematica. Dispiace che la sindaca di Tredozio non abbia apprezzato l'impegno profuso per giungere a questo risultato dai parlamentari del territorio. Ma con la concretezza a cui si è abituati aiuteremo anche Tredozio, pur nella difficoltà di rapportarsi con l'amministrazione. Conclude Tassinari a proposito della situazione meteorologica in corso: “Il maltempo che sta colpendo la regione Emilia Romagna e la Toscana in queste ore e in questi giorni preoccupa moltissimo, fare fronte comune con interventi mirati e tempestivi è la direzione giusta”.

Il deputato Jacopo Morrone

“Un doveroso ringraziamento all’intero Consiglio dei Ministri che ha dichiarato lo stato di emergenza per 12 mesi per il terremoto che ha colpito alcune zone della Romagna lo scorso 18 settembre. Sono stati stanziati 6 milioni di euro per le esigenze più urgenti dei comuni di Brisighella (Ravenna), Castrocaro Terme e Terra del Sole, Modigliana, Predappio, Rocca San Casciano e Tredozio (Forlì-Cesena). L’auspicio è che ora le amministrazioni locali, in particolare quella di Tredozio particolarmente colpita, si attivino concretamente e in tempi rapidi per risolvere i problemi più urgenti, mentre auspichiamo che la promessa di un proficuo ‘lavoro di squadra’ da parte della Regione si concretizzi mettendo a frutto una intesa produttiva con il Governo”. Così in una nota il parlamentare Jacopo Morrone, segretario della Lega Romagna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terremoto del 18 settembre, il Consiglio dei ministri dichiara lo Stato di emergenza. Stanziati i primi 6 milioni di euro
ForlìToday è in caricamento