menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Territorio, nasce a Forlimpopoli la "Comunità Laudato si' Salvaterra"

Il gruppo nasce a Forlimpopoli, laddove la Valle del Bidente incrocia la via Emilia, ma non vuole essere circoscritto ai soli confini comunali

Venerdì, nel salone comunale della Rocca di Forlimpopoli, alle ore 20,30, nasce e si presenta la Comunità Laudato si’ Salvaterra, della Romagna Forlivese. Il gruppo nasce a Forlimpopoli, laddove la Valle del Bidente incrocia la via Emilia, ma non vuole essere circoscritto ai soli confini comunali. Infatti partecipano alla sua fondazione persone e realtà di tutto il territorio forlivese che in questi mesi si sono incontrati e che hanno gettato le basi per questa nuova avventura.

Grazie all'Enciclica di Papa Francesco “Laudato Si", alla lungimiranza di Carlo Petrini e del Vescovo di Rieti, Domenico Pompili, sono state ideate le Comunità Laudato Sì a cui possono aderire Associazioni,  attivisti e persone singole che condividono lo spirito dell'Enciclica. "La Comunità vuole essere luogo di incontro, condivisione e confronto di persone che camminano verso la stessa direzione, pur provenendo ed operando da ambiti diversi - viene spiegato -. Persone che hanno voglia di capire, di discutere, di guardarsi negli occhi in un luogo reale e non virtuale, di mettersi in gioco in prima persona per cambiare rotta al percorso suicida che sta mortificando la nostra madre Terra e ampliando il divario tra ricchi e poveri".

Venerdì sera interverranno don Stefano Pascucci parroco di Forlimpopoli e Gabriele Locatelli di Slow Food; sarà proiettato un breve filmato di Carlo Petrini, sarà possibile aderire alla Comunità e verranno presentate le prossime iniziative; infine conclusione con un piccolo momento conviviale. "Il nome “Salvaterra”, scelto per la Comunità, non solo evoca la necessità di operare per la salvaguardia del nostro pianeta, ma esso era il nome attribuito al fortilizio rimasto a difesa della comunità, della via Emilia e del territorio circostante, alla fine del 1300 dopo la distruzione di Forlimpopoli - viene spiegato -. Attorno a questo piccolo forte si radunò la comunità che ricostruì la città".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento