menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Terzo ed ultimo ciclo di incontri per discutere di Europa

Prosegue il terzo ed ultimo ciclo di incontri per discutere di Europa, della sua identità. Focus particolare in questa occasione sulla cittadinanza europea

Prosegue il terzo ed ultimo ciclo di incontri per discutere di Europa, della sua identità, delle matrici comuni che hanno ispirato la nascita del progetto unitario europeo, con un focus particolare in questa occasione sulla cittadinanza europea, sul trattato di Lisbona e sul ruolo dell’Unione europea nella tutela dei diritti dell’uomo.

Questi alcuni dei temi che saranno al centro del dibattito che il Centro Europe Direct-Punto Europa di Forlì, l'Associazione Incontri e il Comune di Forlì auspicano di instaurare con la cittadinanza forlivese, nel lungo ciclo “Quale Europa? Radici, cittadinanza e interculturalità”, che ha avuto inizio lo scorso marzo ed occuperà i mercoledì sino alla fine di novembre.

Il ciclo, patrocinato dall'Associazione Universitaria di Studi Europei (AUSE) e dalla Provincia di Forlì-Cesena, nonché in partenariato con il Centro per la pace “Annalena Tonelli”, il Movimento Federalista Europeo (MFE), l’Associazione Europea degli Insegnanti (AEDE), l’ACLI, l’Associazione Forlì Terzo Mondo, la Cooperativa Sesamo e la Cooperativa Spazi Mediani ha l’obiettivo di stimolare la riflessione e la discussione su alcuni elementi fondamentali della società e della cultura dell’Europa che stiamo vivendo.


Il prossimo appuntamento di questo terzo ciclo, in programma il prossimo mercoledì alle ore 15,00 presso l’Aula Mazzini 1 (Corso della Repubblica 88, Forlì), affronterà il tema La carta dei diritti fondamentali dell’Ue e vedrà la partecipazione della Dott.ssa Elena Paciotti (Presidente della Fondazione “Lelio e Lisli Basso”).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Forlì è al centro del Nonprofit: il 23 aprile si terrà l'open day

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento