Sabato, 25 Settembre 2021
Cronaca Castrocaro Terme e Terra del Sole

Tour nella Romagna Toscana: i tesori enogastronomici conquistano il giornalista Riccardo Lagorio

Il noto giornalista bresciano è stato letteralmente “preso per la gola” dal fascino del territorio della Romagna Toscana.

In questi giorni il Comune di Castrocaro Terme e Terra del Sole ha ospitato Riccardo Lagorio, noto giornalista italiano esperto di sociologia del cibo e di enogastronomia applicata al turismo che da anni scrive per la rivista "Vdg Milano – Viaggio del Gusto", un magazine di approfondimento sul mondo dell’enogastronomia, del turismo, della ristorazione e del Made in Italy. Il noto giornalista bresciano, è stato letteralmente “preso per la gola” dal fascino del territorio della Romagna Toscana. Gli piace viaggiare alla scoperta dei tesori enogastronomici che caratterizzano la storia dei luoghi che visita, "Non è stata una casualità - dice Lagorio - la scelta di conoscere le eccellenze della cittadina termale".

Grazie ad un soggiorno pal Grand Hotel di Castrocaro Terme e alla collaborazione con I'Ufficio Turistico di Castrocaro non si è fatto scappare l’occasione di far visita ai produttori della zona.  La prima tappa del tour dedicato alla scoperta dei prodotti locali, è stata la Tenuta Pennita immersa tra viti e ulivi dove ha potuto degustare vini e olii nati dalla passione di Gianluca Tumidei che, con i suoi racconti ha saputo conquistare il cuore del nostro ospite creando un’atmosfera conviviale e genuina dalla quale sembrava impossibile congedarsi. Al pari la Cantina Marta Valpiani ha dato il meglio di sé presentando i frutti del suo decennale lavoro con ottimi vini e accattivanti etichette. Immancabile una visita a Dovadola dove i protagonisti sono stati il pane del forno “Cappelletti” ed i salumi della Macelleria Sternini. 

Anna e Maurizio Cappelletti hanno trasportato Lagorio nella loro filosofia delle coltivazioni di grani antichi in rispetto ai cicli naturali, alle lavorazioni tipiche tramandate di padre in figlio fino ai suoi preziosi regali: porcini e tartufi e, del tutto immedesimato nella nuova t-shirt del forno Cappelletti “in nome del pane” si sono salutati promettendosi un arrivederci. Ultima tappa alla macelleria Sternini con tanto di visita guidata alle lavorazioni delle diverse tipologie di carni e alle specialità romagnole che Riccardo Lagorio ha potuto assaggiare direttamente con una merenda contadina organizzata per l’occasione dalla moglie di Sternini con piadina, pinzimonio, pane del forno Cappelletti, Sangiovese, ottimo prosciutto e tanti affettati.

Lagorio è rimasto affascinato dalla capacità di valorizzare le produzioni locali come opportunità turistiche, caratterizzate anche dall’ospitalità coinvolgente e appassionata dei romagnoli. Il potenziamento dell’indotto legato alle tipicità locali aiuta la tutela del territorio nella conservazione della cultura e delle tradizioni, sostiene il giornalista bresciano, per questo vorrebbe tornare a Dovadola il prossimo autunno per vivere in prima persona la sagra dedicata al tartufo, scoprirne il gusto travolgente le storia e le leggende del principe delle tavole romagnole.

Vanessa Petruzzi ha organizzato e accompagnato l’inviato di "Vdg Milano" per tutto il tour enogastronomico che è stato caratterizzato dalla miglior tradizione culinaria della Romagna. Lagorio ha visitato diversi produttori locali entrando in contatto con i sapori che maggiormente caratterizzano questo territorio, l’ospitalità e l’informalità che da sempre caratterizzano l’accoglienza dell’entroterra romagnolo hanno conquistato totalmente l’esperto conoscitore di prodotti enogastronomici.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tour nella Romagna Toscana: i tesori enogastronomici conquistano il giornalista Riccardo Lagorio

ForlìToday è in caricamento