menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Carabinieri di Meldola, cambio al vertice: il capitano Filippo Cini saluta la Romagna. Il nuovo comandante sarà rosa

Il capitano Filippo Cini, 38 anni compiuti lo scorso 8 luglio, dalla prima decade di settembre sarà alla guida della Compagnia di Grosseto

Cambio al vertice al comando dei Carabinieri della Compagnia di Meldola. Il capitano Filippo Cini, 38 anni compiuti lo scorso 8 luglio, originario di Pontedera (Pisa), sposato, dalla prima decade di settembre sarà alla guida della Compagnia di Grosseto. Al suo posto ci sarà il capitano Rossella Capuano, 31enne romana e figlia di un brigadiere dell'Arma, che ha guidato negli ultimi tre anni la Compagnia di Augusta, in provincia di Siracusa. Si tratta del primo ufficiale donna a guidare alla di una Compagnia in provincia.

Il saluto del capitano Cini

Arruolato nel 2002 come allievo ufficiale di complemento, Cini è diventato sottotenente nel 2003 per essere destinato al 6° Battaglione Carabinieri “Toscana” di Firenze. In quel reparto si è occupato di ordine pubblico negli stadi, ma anche in occasione di grandi eventi nelle piazze. Nel 2012 è stato trasferito con il grado di tenente al Gruppo Operativo Calabria di Vibo Valentia in Calabria, dove è rimasto per 4 anni fino al 2016 quando, promosso capitano, è stato destinato alla Compagnia di Meldola.

"Sono stati 3 anni bellissimi nei quali io e mia moglie ci siamo da subito trovati benissimo in Romagna e nel suo tessuto sociale - commenta Cini -. Sono stati anni anche di soddisfazioni professionali nei quali la Compagnia di Meldola ha raggiunto risultati ottimi che si sono migliorati anno in anno. Questo grazie ad un gruppo di militari straordinari di grande valore sia dal punto di vista umano che professionale".

Tra i risultati più importanti conseguentiil sequestro di oltre 20 chili di hashish nel marzo scorso e l’arresto di un soggetto di Modigliana; e il recupero di attrezzature sportive della Technogym rubate in un capannone a Bertinoro. "Il bottino della refurtiva era di oltre un milione di euro, ma molte attrezzatura sono state recuperate grazie ad un'intensa attività investigativa che ci ha visto protagonisti in altre regioni di Italia".

"Potrei citarne altre mille attività - conclude Cini -. Ringrazio, e dico questo senza alcuna banale retorica, gli uomini che in questi anni hanno reso possibile tutto questo, dei quali ho apprezzato il valore umano e professionale, la fedeltà, l’unità di intenti e l’onestà lavorativa".

Il nuovo capitano

Il capitano Capuano è una delle 2500 donne entrate nell'Arma a partire dalla "rivoluzione rosa". L’ufficiale, dopo la maturità scientifica, dal 2007 al 2009 ha frequentato il corso “Orgoglio” dell’Accademia militare di Modena dove è stata nominata sottotenente. Successivamente è stata trasferita alla Scuola Ufficiali Carabinieri di Roma per frequentare il 189esimo corso di Applicazione. Dopo la nomina a tenente, ha frequentato il 18esimo corso di Perfezionamento laureandosi in Giurisprudenza all’Università di Roma Tor Vergata. A Ferrara ha assunto nel 2014 il comando del Nucleo Operativo e Radiomobile. Nel 2016, dopo la nomina di capitano, il trasferimento ad Augusta, dove ha retto la Compagnia per circa tre anni prima del nuovo incarico a Meldola (che comprende le stazioni di Bertinoro, Civitella, Forlimpopoli, Galeata, Predappio, Premilcuore e Santa Sofia).

filippo-cini-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento