menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Trasloco della Municipale, Rondoni (Pdl): "Troppa confusione e poca programmazione"

E' quanto si chiede Alessandro Rondoni, capogruppo in consiglio comunale del Pdl, che è già intervenuto sulla vicenda con due question time a febbraio e a marzo.

"Perché in un mese la Giunta ha cambiato tre volte decisione sulla sede della Polizia Municipale? Cosa è successo? È stata fatta troppa confusione: dalla scelta del palazzo di Romagna Acque, per cui quest’ultima deve pagare una penale al Comune, a quello dell’ex studentato Sant’Anna fino al Palazzo Sme". E' quanto si chiede Alessandro Rondoni, capogruppo in consiglio comunale del Pdl, che è già intervenuto sulla vicenda con due question time a febbraio e a marzo.

"Vi sono stati poca programmazione e poco ascolto delle esigenze del Corpo dei vigili ancora frazionato in più sedi - afferma Rondoni -. Da tempo inoltre chiediamo più attenzione per la sicurezza in centro storico". Il capogruppo Pdl poi osserva: «Lo scorso 12 febbraio in Consiglio Comunale mi è stato risposto che come soluzione era stato individuato l’ex studentato Sant’Anna in viale Kennedy. Occorre una scelta che permetta alla Polizia Municipale di eliminare l’attuale frammentazione in più sedi e di rimanere vicino al centro città, in una posizione raggiungibile facilmente da tutti i cittadini e utile anche per un buon presidio per la sicurezza».

Rondoni aggiunge: «La Giunta ha poi ancora cambiato idea, optando per il Palazzo Sme in via Punta di Ferro in zona Fiera, che non consente la riunificazione in un’unica sede, rendendo così frammentato il lavoro della Polizia Municipale. Inoltre in queste settimane si sono svolti animati incontri tra l’Amministrazione Comunale e i rappresentanti del Corpo dei vigili e ancora oggi non sono state accolte le istanze della Polizia Municipale. Perché tutta questa confusione?».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento