Cronaca

L'auto "schilometrata" aveva in realtà quasi mezzo milione di km, titolari dell'autosalone condannati per truffa

E' finita con una condanna a 4 mesi per truffa una vicenda giudiziaria rappresentativa purtroppo di un fenomeno diffuso, la vendita delle cosiddette auto usate “schilometrate”.

E' finita con una condanna a 4 mesi per truffa una vicenda giudiziaria rappresentativa purtroppo di un fenomeno diffuso, la vendita delle cosiddette auto usate “schilometrate”. La vicenda in questione riguarda un forlivese che nel dicembre del 2015 si trovò ad acquistare un'auto usata con un chilometraggio dichiarato di 97mila chilometri, una Opel Zafira. Il mezzo poco dopo subì una rottura e il controllo da parte di un'autofficina autorizzata per quella marca scoprì che il mezzo in realtà aveva percorso circa 480mila, vale a dire quasi cinque volte tanto il dichiarato.

Per la Procura, in altre parole, il contachilometri del mezzo era stato taroccato per mostrare un dato molto più basso e conferire quindi al mezzo un valore che altrimenti non avrebbe avuto. Per questo episodio sono stati condannati in tribunale i membri di una famiglia, padre di 67 anni, madre di 66 e figlio di 41 anni, e titolari e collaboratori dell'autosalone tuttora in attività (giudice Zambelli, pm Rago). La vittima della truffa, tutelata dall'avvocato Giovanni Principato, ha avuto il riconoscimento anche di 10mila euro di risarcimento danni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'auto "schilometrata" aveva in realtà quasi mezzo milione di km, titolari dell'autosalone condannati per truffa

ForlìToday è in caricamento