rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Cronaca

Tenta la "truffa dello specchietto", ma al malvivente va male: la vittima è un poliziotto

Agente di Polizia libero dal servizio ha sventato una delle ormai note “truffe dello specchietto”

Un sovrintendente di Polizia, capo turno delle volanti dell’Ufficio Prevenzione Generale della Questura, ha sventato una delle ormai note “truffe dello specchietto” avvenuta qualche giorno fa in via Orceoli mentre, libero dal servizio, si è trovato suo malgrado nella posizione di vittima.

L’operatore stava circolando con la sua auto in direzione via Ravegnana; ha effettuato una operazione di sorpasso a destra, nei confronti di una "Audi A3" colore nero che, ferma al centro della carreggiata, era in attesa di svoltare sulla sinistra. Nel fare questa operazione, improvvisamente il sovrintendente ha sentito un colpo sordo e, subito dopo, la persona che era al posto guida dell’altra auto ha suonato il clacson e lampeggiato per attirare la sua attenzione.

Il poliziotto si è fermato e l’altro lo ha raggiunto, incolpandolo della rottura dello specchietto laterale destro. Sicuro di non avere in alcun modo colliso con la controparte, il sovrintendente si è insospettito ed ha inzialmente retto il gioco fingendo di cadere nell’inganno, che è venuto chiaramente allo scoperto quando il soggetto, a fronte della proposta di compilare il modulo di constatazione amichevole del sinistro, invece di mostrare i documenti di guida, assicurativi e del veicolo, necessari per completare il "cid", ha sviato la richiesta insistendo per ottenere un risarcimento in contanti direttamente sul posto, consigliando di non procedere con la denuncia all’assicurazione in ragione di un danno tutto sommato non particolarmente rilevante.

A quel punto il poliziotto si è qualificato e costui si è dato alla fuga, ma invano, poiché è stato poco dopo identificato. Il truffatore, un 39enne siciliano della zona di Noto (Siracusa), residente nel padovano, sarà denunciato per rifiuto di indicazioni sull’identità personale, inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità (questi reati causati dalla sua fuga senza fornire i documenti) e tentata truffa.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tenta la "truffa dello specchietto", ma al malvivente va male: la vittima è un poliziotto

ForlìToday è in caricamento