Vendono la stessa auto a più acquirenti: i Carabinieri smascherano la truffa

I due balordi erano riusciti a farsi accreditare sulla propria carta Postepay ben 10mila euro per la vettura messa in vendita

Diecimila euro per acquistare l'auto dei desideri. Ma non sapeva di esser caduto in un raggiro. Così, persi i soldi, si è rivolto ai Carabinieri. Dalla segnalazione della vittima, è partita l'indagine dei militari di Ronco che lunedì ha avuto epilogo con la denuncia a piede libero per truffa di due malviventi. Secondo quanto ricostruito dagli uomini dell'Arma, i due balordi erano riusciti a farsi accreditare sulla propria carta Postepay ben 10mila euro per la vettura messa in vendita. L'auto, dagli accertamenti, è risultata venduta a più persone.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dalla quaterna al terno: la Dea Bendata trova casa in Corso Garibaldi, nuova gioia col Lotto

  • Attacco di recensioni negative, il ristorante pubblica un cartello contro gli "haters"

  • Incidente sulla Cervese, ci sono feriti: lunghe code di auto nel rientro dalla riviera

  • Dove mangiare a Cesenatico? La top 5 dei ristoranti di pesce

  • Giovani e coronavirus, Vicini: "La perdita di gusto e olfatto non va sottovalutata. Serve consapevolezza"

  • Grande Fratello, fisico scolpito per Denis Dosio: sette mesi tra dieta e allenamenti, "Ammetto che è tosta"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento