Martedì, 16 Luglio 2024
Cronaca

Turismo in provincia da gennaio a maggio, è boom di arrivi e presenze. Ma non si raggiunge il livello pre-covid

I dati provvisori relativi al movimento turistico nei mesi gennaio-maggio 2022, in provincia di Forlì-Cesena, registrano una crescita annua degli arrivi del 140,0% (248.400 unità) e delle presenze del 138,2% (792.582 unità)

In attesa dei primi dati riguardanti la stagione estiva, le statistiche provvisorie riferite a gennaio-maggio 2022, relative al movimento turistico, rese disponibili dalla Regione Emilia-Romagna, rilevano decisi incrementi annui, sia degli arrivi, sia delle presenze, in provincia di Forlì-Cesena. Aumenti che, tuttavia, non riescono a compensare la perdita rispetto all’anno 2019 (pre-covid). In forte ripresa sia il turismo nazionale sia, soprattutto, quello estero. Risultati positivi per tutti i mesi del periodo considerato, con aprile che fa segnare le migliori performance.

I dati provvisori relativi al movimento turistico nei mesi gennaio-maggio 2022, in provincia di Forlì-Cesena, registrano una crescita annua degli arrivi del 140,0% (248.400 unità) e delle presenze del 138,2% (792.582 unità). Nel confronto con le altre province emiliano-romagnole, Forlì-Cesena si piazza al terzo posto per crescita delle presenze, dopo Rimini (+146,1%) e Bologna (+141,6%), con risultati superiori a quelli della media regionale (+124,1%).

Rispetto all’anno pre-covid 2019, però, i numeri rimangono ancora negativi (-12,2% di arrivi, -7,4% di presenze). Gli aumenti, rispetto ai primi cinque mesi del 2021, interessano sia la clientela italiana sia quella straniera, con numeri più alti per quest’ultima. Nel dettaglio: +126,6% gli arrivi italiani e +125,7% le presenze nazionali, +317,2% gli arrivi stranieri e +222,8% le presenze estere. Sebbene sia maggio il mese nel quale si concentra il maggior flusso turistico (36,1% di arrivi, 38,5% di presenze), è aprile quello che fa segnare il maggior incremento tendenziale (+454,7% di arrivi, +397,9% di presenze), con tutti i mesi, comunque, che registrano variazioni positive.

In termini di presenze, risultano in decisa crescita sia gli esercizi alberghieri (+137,1%) sia quelli extra-alberghieri (+140,0%); campeggi e villaggi turistici sono le strutture ricettive che registrano l’aumento più alto (+153,7%). L’incremento annuo delle presenze riguarda tutti i comuni della riviera: +177,4% a Cesenatico (55,0% delle presenze provinciali), +250,6% a Gatteo e San Mauro Pascoli (dati in aggregato, 6,3%) e +103,8% a Savignano sul Rubicone (1,9%). Per ciò che concerne i grandi comuni (19,4% delle presenze totali), a Forlì e a Cesena le presenze crescono, rispettivamente, dell’85,4% e del 67,9%, mentre per ciò che riguarda le località termali (11,6%), si rileva un +208,8% a Bagno di Romagna, +100,2% a Bertinoro e +29,7% a Castrocaro Terme e Terra del Sole. In aumento anche le presenze nelle località dell’Appennino forlivese (1,6% del totale, +171,3% annuo).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Turismo in provincia da gennaio a maggio, è boom di arrivi e presenze. Ma non si raggiunge il livello pre-covid
ForlìToday è in caricamento