menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ucciso dal coronavirus, il vescovo prega per Padre Guglielmo: "Lo affidiamo alla misericordia di Dio"

Corazza, con sensibile preoccupazione, seguiva già da alcuni giorni l’evoluzione dello stato di salute di padre Guglielmo Camera, ricoverato in ospedale a Fidenza, dove viveva nel convento dei frati saveriani

Il vescovo Livio Corazza, insieme alla comunità diocesana dei sacerdoti, alla famiglia Bianchi Porro, ai devoti ed alla Fondazione che opera in memoria della giovane Benedetta piangono la scomparsa del postulatore della causa di beatificazione Padre Guglielmo Camera, ucciso a 79 anni dal coronavirus. Corazza, con sensibile preoccupazione, seguiva già da alcuni giorni l’evoluzione dello stato di salute di padre Guglielmo Camera, ricoverato in ospedale a Fidenza, dove viveva nel convento dei frati saveriani.

La notizia ha lasciato tutti nello sgomento ed Emanuela Bianchi Porro ha informato subito gli innumerevoli devoti di Benedetta nella pagina Facebook “Benedetta Bianchi Porro”, rendendo nota la perdita a causa del Coronavirus di colui che contribuì significativamente alla beatificazione della giovane dovadolese. “Ringraziamo Padre Camera per l'impegno e la competenza dimostrate nel portare felicemente a termine la causa di Beatificazione di Benedetta e per la testimonianza di tutta la sua vita da vero missionario Saveriano".

"Lo affidiamo alla misericordia di Dio - ha aggiunto Corazza -. Come affidiamo alla misericordia di Dio coloro che sono morti in queste ore e in questi giorni nella nostra diocesi, ci sentiamo vicini alle loro famiglie. Il ricordo di padre Camera ci incoraggia a pregare incessantemente la Beata Benedetta per tutti i malati, le loro famiglie e il personale medico. A Dovadola, nella tomba di Benedetta nella chiesa di Sant’Andrea Apostolo, il parroco don Saverio prega quotidianamente la giovane Beata perché continui a soffiare il vento dello Spirito su tutti i malati, proteggendoli dalla sofferenza ed orientando a Dio le loro preghiere di guarigione e di protezione dal contagio". Giovedì sera è in programma un rosario organizzato dalla Conferenza Episcopale Italiana alle 21 e in onda su TV2000.


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento