Scuola

Un'eccellenza mondiale a pochi passi da casa: centinaia di studenti alla scoperta del Ciclope di Predappio

Giornata speciale per 150 alunni dell’Istituto Comprensivo che parte da Castrocaro Terme e Terra del Sole e raggiunge Portico di Romagna

E’ stato un vero e proprio gemellaggio quello avvenuto martedì tra la Valle del Montone e quella del Rabbi. Infatti 150 alunni dell’Istituto Comprensivo che parte da Castrocaro Terme e Terra del Sole e raggiunge Portico di Romagna, hanno fatto dapprima visita alle ex Gallerie Caproni di Predappio e poi sono state ricevute dall’amministrazione comunale per un breve racconto della storia di questa cittadina tra aneddoti e curiosità.

La prima parte della mattinata, suddivisa in turni di visita, ha riguardato appunto la scoperta dell’affascinante mondo dell’ingegneria aerospaziale e industriale grazie all’Università di Bologna che verso la fine degli anni 2000 diede vita a ciò che oggi è un’eccellenza a livello internazionale del nostro territorio: il laboratorio Ciclope. Il laboratorio Ciclope, che fa parte del Centro Interdipartimentale di Ricerca Industriale (CiriI Aeronautica) dell’Università di Bologna nel Tecnopolo di Forlì, è stato progettato con l’obiettivo di fornire una piattaforma sperimentale per l’effettuazione di studi fondamentali e applicativi nel campo della fluidodinamica e della turbolenza ad alti numeri di Reynolds. Il lavoro di realizzazione del laboratorio è stato svolto in tre fasi.

Nella prima, terminata nel 2010 è stata effettuata un’opera di recupero e consolidamento dell’area e dei tunnel che dopo la seconda guerra mondiale avevano avuto destinazioni d’uso tra le più disparate, dall’allevamento di polli a coltivazione di funghi. Nella seconda, anche grazie all’acquisto da parte del Comune di Predappio dell’area esterna ai tunnel, è stato realizzato il laboratorio vero e proprio con tutti i suoi sistemi. Nella terza fase, parzialmente finanziata anche con fondi Cipe, è stata realizzata la galleria del vento (il “Long Pipe”) che costituisce l’attrezzatura sperimentale più singolare e unica con la quale vengono effettuati gli esperimenti. Il “Long Pipe” è un’attrezzatura che permette, date le sue dimensioni, di effettuare misure ad alti numeri di Reynolds per la prima volta al mondo.

Per questo motivo numerosi laboratori e gruppi di ricerca europei ed extra-europei si sono interessati ad un suo utilizzo facendo arrivare a Predappio anche ricercatori israeliani, egiziani e turchi. Oltre alle classiche attività di ricerca industriale nel campo dell’aerodinamica e della fluidodinamica il laboratorio offre servizi nell’ambito della progettazione di gallerie del vento, nella progettazione, realizzazione e successiva calibrazione di sensori per la fluidodinamica e infine nella simulazione numerica di flussi turbolenti. "Spiegata così, effettivamente, i ragazzi delle scuole medie di Castrocaro Terme e Terra del Sole, di Dovadola e di Rocca San Casciano si sono avvicinati ad un mondo assai complesso della sperimentazione umana - afferma il drigente scolastico Antonio Citro – ma, nonostante questo, è stato grazie all’abilità della “squadra” dell’ingegner Alessandro Talamelli che ha semplificato al massimo il linguaggio specifico, riuscendo a calare nella realtà quotidiana quello che ad alti livelli si studia dentro le gallerie o addirittura al Crn, con cui il centro è collegato attraverso il consorzio internazionale Eu-Hit".

Decine sono state le domande rivolte dai ragazzi agli scienziati dopo la preparazione in classe da parte degli insegnanti della scuola. Nei giorni scorsi infatti sono stati utilizzati numerosi video semplificati che potessero incuriosire e appassionare ad un mondo tanto sconosciuto quanto affascinante. "Tra l’altro, a sorpresa, si è scoperto che anche una mamma di un alunno di Dovadola è ingegnere aerospaziale, allieva proprio del professor Talamelli nel recente passato", rivela Citro. La mattinata, una volta usciti dalle Gallerie Caproni, è poi proseguita nei giardini della Piazza Sant’Antonio per la merenda e successivamente nel Salone Comunale di Predappio per scoprire anche un po’ la storia di questa cittadina tanto giovane rispetto ad altri Comuni del territorio delle tre valli del forlivese.

Il sindaco Roberto Canali ha accolto i ragazzi che, seduti sugli scranni del consiglio, hanno assistito ad un piccolo ma esauriente racconto del paese dalle sue origini sino ad oggi, il tutto grazie al vicesindaco Luca Lambruschi. "Insomma - conclude il dirigente scolastico dopo i ringraziamenti al Dipartimento universitario e agli amministratori locali – è stata un’esperienza fuori dal “comune” che sicuramente i nostri ragazzi ricorderanno quando saranno più grandi, magari intraprendendo un cammino di studi specifico o semplicemente raccontando a chi ancora non lo sa, che a Predappio c’è un’eccellenza mondiale, a due passi da casa nostra. La scuola dunque è uscita ancora una volta dai canoni classici, alla scoperta del meraviglioso mondo della scienza".

150 alunni al laboratorio scientifico CICLOPE di Predappio-10150 alunni al laboratorio scientifico CICLOPE di Predappio-3

150 alunni al laboratorio scientifico CICLOPE di Predappio-6

Un momento della visita

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un'eccellenza mondiale a pochi passi da casa: centinaia di studenti alla scoperta del Ciclope di Predappio
ForlìToday è in caricamento