rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Università

"Un giorno la notte", il film che racconta il viaggio verso l’oscurità: il tema della cecità affrontato dagli studenti del Campus

Seguirà la proiezione del film e, al termine, ci sarà un dialogo sulle tematiche del film fra il coregista Michele Cattani e il pubblico

Prosegue il Tour dedicato alla visione di "Un Giorno La Notte", il film di Michele Aiello e Michele Cattani, vincitore del premio "Giuseppe Folchi" come miglior documentario del 2021, che l’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti Consiglio Regionale dell’Emilia-Romagna propone gratuitamente presso alcune sale cinematografiche della regione e presso alcuni istituti scolastici. L’evento, con il patrocinio del Campus di Forlì dell’Alma Mater Studiorum Università di Bologna si terrà lunedì 7 marzo alle 18.30 al Teaching Hub del Campus, è promosso e organizzato dalla sezione territoriale Uici di Forlì-Cesena in collaborazione con Zalab e Arca di Noè e con il patrocinio e il contributo della Regione Emilia-Romagna. Il programma ha inizio alle 18.30 con i saluti del presidente del Campus di Forlì, Prof. Emanuele Menegatti, e del presidente sezionale Uici, Fabio Strada. Seguirà la proiezione del film e, al termine, ci sarà un dialogo sulle tematiche del film fra il coregista Michele Cattani e il pubblico. L’evento è rivolto esclusivamente alla comunità universitaria.

Il film

"Un Giorno La Notte" è un film biografico sulla vita del ventenne Sainey, arrivato in Italia con la speranza di trovare una soluzione per la Retinite Pigmentosa di cui soffre. Dopo aver scoperto che anche qui non esiste una cura, è deciso a imparare più cose possibili per prepararsi alla cecità. In questo viaggio verso l’oscurità, Sainey incontra un nuovo amico e scopre la passione per un nuovo sport, il baseball. Così decide di filmare la sua storia in prima persona e di mostrare al mondo che bisogna reagire anche contro le difficoltà più grandi, finendo con il coinvolgere lo spettatore in un turbinio di relazioni umane, moti d’animo e conquiste silenziose. A partire dalla quotidianità di Sainey e dal binomio auto-rappresentazione/rappresentazione, disabilità/normalità, impossibilità/possibilità, sogno/realtà, coloro che assistono alla visione hanno la speciale occasione di poter sperimentare la percezione degli stessi testimoni del film anche grazie alla scelta dei registi del formato 4:3. Inoltre, il film viene presentato nella versione audio-descritta a cura di Andrea Pennacchi per consentire a tutti i presenti, vedenti e non vedenti, di vivere un'esperienza inconsueta, peculiare e d’impatto.

Il tour cinematografico è iniziato in Emilia-Romagna lo scorso ottobre e proseguirà fino alla primavera. L’iniziativa si colloca anche all’interno delle attività di comunicazione e sensibilizzazione sul tema della vista legato alla Settimana del Glaucoma. Infatti dal 7 al 13 marzo si celebra la “Settimana mondiale del glaucoma”, una patologia cronico-degenerativa che colpisce nel mondo milioni di persone e nei confronti della quale la prevenzione e la diagnosi precoce sono strumenti fondamentali per evitare di scoprirla quando ha già prodotto danni irreversibili alla visione. Per una migliore immersione nel film viene consigliato di portare con sé una benda per occhi da indossare durante la proiezione. Per informazioni: Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti Sezione Territoriale di Forlì-Cesena Tel. e Fax 0543/402247 - E-mail: uicfo@uici.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Un giorno la notte", il film che racconta il viaggio verso l’oscurità: il tema della cecità affrontato dagli studenti del Campus

ForlìToday è in caricamento